articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Assunzioni Poste Italiane 2018: 6000 posti disponibili, i requisiti

Assunzioni Poste Italiane: 6000 posti

Assunzioni Poste Italiane 2018: 6000 posti disponibili, i requisiti.

Continua a svilupparsi il piano Deliver 2022, che prevede un totale di 6000 posti disponibili. Per quanto riguarda le assunzioni Poste Italiane è in prima linea a partire da quest’anno. Visto che si comincerà da 1.500 assunzioni previste per il 2018. I nuovi posti di lavoro disponibili saranno ricoperti tramite la stabilizzazione dei contratti a tempo determinato; le trasformazioni dei contratti part-time in contratti full-time. E ovviamente le nuove assunzioni.

Assunzioni Poste Italiane: 6000 posti di lavoro in 3 anni

Relativamente al 2018 il piano stretto tra Poste Italiane e i sindacati prevede 1.080 assunzioni a tempo indeterminato per le persone che hanno lavorato o lavorano nel Gruppo con contratto a tempo determinato. Si tratta quindi di conversioni di contratti già esistenti o esistiti. Inoltre sono previste 1.126 conversioni di contratti part-time in contratti full time. Per quanto riguarda le nuove assunzioni in senso stretto, saranno 500 i posti disponibili che saranno occupati da giovani laureati. I posti disponibili riguarderanno le sale di consulenza delle filiali di Poste Italiane. Da annoverare anche l’avvio di procedure di mobilità volontaria a livello nazionale, che coinvolgeranno 363 lavoratori. Il totale dei 6.000 lavoratori (tra i nuovi posti disponibili, trasformazioni di contratto e nuove assunzioni) è l’obiettivo fissato su piano triennale; che comincerà a partire dal 2018 e terminerà quindi nel 2020.

Buoni fruttiferi: interessi ridotti sono illegali, la condanna.

Assunzioni Poste Italiane: la nota sul piano Deliver 2022

Poste Italiane ha spiegato le strategie stabilite dal piano Deliver 2022 in una comunicazione. In questa si legge come l’intesa sia finalizzata a realizzare efficacemente le strategie riguardanti la nuova organizzazione del recapito. Il fine è venire incontro “ai nuovi bisogni dei cittadini”; nonché “cogliere tutte le opportunità offerte dalla crescita dell’e-commerce grazie anche a una maggiore flessibilità e a un’estensione degli orari di consegna”.

Inoltre, l’accordo “contribuisce non solo alla creazione di nuove opportunità di lavoro; ma anche alla possibilità di conciliare l’attività lavorativa con i progetti di vita dei dipendenti di Poste Italiane; confermando l’attenzione dell’Azienda ai temi dell’inclusione e della responsabilità sociale”.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

ultima modifica: venerdì, 15 Giugno 2018