• 27
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 28 giugno, 2018

articolo scritto da:

Governo ultime notizie: nomine Rai e Cdp, manca ancora l’accordo

governo ultime notizie

Governo ultime notizie: nomine Rai e Cdp, manca ancora l’accordo

Si avvicina il 30 giugno, giorno in cui scadrà il mandato dell’attuale Consiglio di amministrazione della Rai. Dunque, cresce l’attesta per le nomine dei nuovi consiglieri e del nuovo direttore generale; nonostante Di Maio abbia assicurato: “no alla lottizzazione, premieremo il merito”, una cosa è certa: seguiranno i cambiamenti dello scenario politico. Infatti, sia il Movimento 5 Stelle che la Lega hanno fatto capire di voler imporre un decisivo cambio di passo rispetto al recente passato.

L’obiettivo è, innanzitutto, quello di “de-renzizzare” la televisione pubblica. Si comincerà dalla nomina del direttore generale che spetta al governo (nello specifico, al ministero dell’Economia). La carica è ricoperta in questo momento dall’ex direttore di Tg1 e Tg2 Mario Orfeo, nome tutt’altro che gradito ai giallo-verdi. Proprio grazie a una riforma renziana del 2015, che ne ha aumentato i poteri, quella del direttore è divenuta una figura ancor più fondamentale nell’organigramma Rai. Questi nomina i direttori delle reti e dei telegiornali, può assumere e promuovere in autonomia e proporre contratti fino a 10 milioni di euro senza consultare il Cda.

Per quanto riguarda il toto-nomi, pare che si sia tirato fuori – dopo Mentana – anche Ferruccio De Bortoli. In testa ai papabili ancora Fabio Vaccaronno di Google Italia, anche se il sogno nel cassetto dei 5 stelle – e di Grillo in particolare – resta Carlo Freccero.

Governo ultime notizie: nomine Rai e Cdp, manca ancora l’accordo

Maggioranza pentaleghista alla prova anche su un’altra serie di nomine – altrettanto importante anche se meno esposta dal punto di vista mediatico. Chi andrà a occupare i vertici della Cassa Depositi e Prestiti? Il nome più “caldo” quello di Massimo Tononi, ex Mps e sottosegretario al Tesoro. Invece, per il posto di amministratore delegato dell’azienda pubblica si starebbe pensando al vicedirettore della Banca Europea per gli Investimenti Dario Scannapieco; per quello di direttore generale all’attuale direttore finanziario della Cdp Fabrizio Palermo. Tuttavia, così resterebbe fuori l’ex Ad di Poste Italiane Massimo Sarmi, a cui la Lega vuole trovare comunque una collocazione di rilievo.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: