• 1
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 19 luglio, 2018

articolo scritto da:

Formula Uno, GP Hockenheim: curiosità e info tecniche sul circuito

Formula Uno

Formula Uno, GP Hockenheim: curiosità e info tecniche del circuito

Dopo il Gran Premio di Silverstone, che ha visto primeggiare Vettel con Hamilton, il padrone di casa, giunto secondo, ecco che arriva la gara a Hockenheim in Germania.

Il ferrarista sarà finalmente nella sua terra, intenzionato più che mai a portare a casa la vittoria per mantenere la vetta nella classifica piloti.

In molti lo danno come favorito, anche per le caratteristiche della sua monoposto, che sarebbero in armonia perfetta con quelle del circuito, in particolare il recupero di energia di gas di scarico (MGU-H) e la trazione, unite alla gestione delle gomme, punto di forza del Cavallino Rampante.

In particolare quelle posteriori, che sono sollecitate maggiormente dal tracciato.

LEGGI ANCHE: GP Germania a Hockenheim, Formula 1: storia e tracciato

Formula Uno, GP Hockenheim: il circuito

Con i suoi 4.574 metri in stile tedesco, Hockenheim è un circuito abbastanza equilibrato.

4 curve lente (la 6, la 8, la 13 e la 16) e 5 tratti veloci.

Ciò che aiuta davvero i piloti è la trazione, che favorisce i sorpassi in curva.

Le difficoltà principali sono l’ignoto dopo l’ultima gara nel 2016 che quindi non aiuta con i nuovi assetti, la ricerca di compromessi in tutte le componenti per poter rendere al meglio, l’Hairpin e le curve del Motodrome.

Ciò che forse manca di più è l’Hockenheimring, il tratto di circuito interno alla Foresta Nera, percorso da campioni, terra di prestazioni di livello, ma anche di tragici incidenti che la Foresta racchiude e tiene con sé.

Formula Uno, GP Hockenheim: aria di casa per Vettel

Intanto Sebastian Vettel, nato poco distante da lí e quindi padrone di casa a tutti gli effetti, conosce bene il circuito.

Il tratto che preferisce per i sorpassi è il tornantino, perché stacca in modo brusco dopo un rettilineo.

Ci va un mix di sangue freddo per la frenata e velocità in uscita.

La Mobil 1 per il pilota della Rossa è molto complessa perché è una curva cieca e necessita perciò di un tempismo perfetto.

Ma, se fatta bene, è “divertente” e soprattutto da spettacolo al pubblico ben visibile da lí.

La Sachs, centrale e stretta, è definita come ideale per lasciar correre la macchina, anche se il punto della frenata all’imboccatura è difficile da centrare.

Per lui sarà dunque una gara particolarmente sentita, intrisa di ricordi, tensione e rabbia agonistica, ma sicuramente una delle più intense a livello emozionale, così come per chi vi assisterà.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOK, TWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Tresette con Di Maio

articolo scritto da: