pubblicato: sabato, 11 Ago, 2018

articolo scritto da:

Liga spagnola 2018/2019, il focus: il Levante cerca la salvezza fissa

Liga spagnola Levante

Liga spagnola 2018/2019, il focus: il Levante cerca la salvezza fissa

Prima parte dell’ultima stagione orribile per il Levante, che poi ha risalito fortemente la china nella seconda, portando a casa il 15° posto finale.

Un’annata all’insegna dei pareggi, ben 13 contro le 14 sconfitte e le 11 vittorie.

Una delle migliori stagioni parlando di tempi recenti è sicuramente quella 2011-2012, dove i granotes riuscirono a raggiungere l’Europa League grazie ad un ottimo 6° posto.

Fu la prima volta nella storia del club di Valencia, che riuscì a lottare fino agli ottavi dove fu eliminato dal Rubin Kazan.

Come si suol dire, la prima volta non si scorda mai, ma non bisogna farla diventare l’unica.

Da allora infatti, il Levante, si è stabilito nella zona medio-bassa classifica in Liga, retrocedendo in Segunda nel 2016, salvo tornare nella massima serie dopo una sola stagione.

Non risultati di massima aspirazione in generale, anzi.

Qualcosa in più è quasi d’obbligo, per poter uscire dal tunnel e stabilizzarsi definitivamente.

LEGGI ANCHE: La Real Sociedad pronta a riscattarsi – focus

Liga spagnola 2018/2019, il focus: gli obbiettivi del Levante

Il bilico non piace a nessuno, tantomeno quando è continuo.

Sarebbe ottimo ripetere quanto fatto a cavallo tra 2011 e 2012, ma se guardiamo la situazione più nel concreto, sarebbe sufficiente la salvezza fissa.

I miglioramenti sono spesso graduali e il Levante ha un buon margine di crescita.

Paco Lopez, attuale mister dei rossoblu e passato dalla squadra B a quella principale solo nel mese di marzo, potrebbe giovare alla squadra.

Questo perché conosce già l’ambiente in linea di massima ma soprattutto perchè nei mesi in cui ha allenato il club ha avuto un rendimento altissimo ed inaspettato.

LEGGI ANCHE: L’Espanyol pronto a prendersi un posto in EL – focus

Liga spagnola 2018/2019, il focus: il mercato del Levante

Il mercato è stato proficuo e diverse operazioni sono state fatte in entrata.

Parliamo del riscatto di Erick Cabaco dal Montevideo.

Come lui, allungherà la sua permanenza anche Rober Pier, altro difensore classe ’95 in prestito dal RC Deportivo.

Per serrare del tutto la saracinesca in difesa è approdato Aitor Fernandez, portiere dal Numancia per 1 milione.

Inoltre, c’è Raphael Dwamena per il reparto offensivo, direttamente dallo Zurigo.

Riscattato inoltre Coke, terzino destro dallo Schalke per 1.5 milioni ed acquistato l’attaccante Moses Simon dal Gent per 5 milioni.

Le cessioni prevedono invece Lerma, centrocampista centrale finito al Bournemouth, che è stato la vendita più cospicua: ben 28 milioni incassati dai valenciani.

Ivi è invece andato in prestito al Real Valladolid, mentre gli altri sono tutti tornati nelle proprie squadre originarie per fine prestito.

Tra questi possiamo individuare due vecchie conoscenze della Serie A: il “pazzo” Giampaolo Pazzini, tornato all’Hellas Verona, e Sasa Lukic, di ritorno al Torino.

Mercato con diverse scommesse dunque per il Levante, pronto ad affrontare nuovamente la battaglia della Primera.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOK, TWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: