articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Legge di bilancio 2018: investimenti e risparmi, cosa cambia nella bozza

Rinnovo contratto statali: le cifre vere dalla Legge di Bilancio

Sul piano degli investimenti pubblici il governo sembra intenzionato a “invertire il calo in atto dall’inizio della crisi”. Questo, almeno, è quello che si legge nella bozza di Piano Nazionale delle Riforme (PNR, qui il PDF), ma se l’intenzione verrà tradotta in legge di bilancio è un altro discorso.

Legge di bilancio: il piano del governo per gli investimenti

Il piano riconosce che nei prossimi quindici anni risultano già stanziate opere per 150 miliardi, di cui 118 immediatamente attivabili. L’obiettivo è raggiungere almeno il 3% in rapporto al PIL.

Il problema, secondo il governo, non è semplicemente stanziare soldi in legge di bilancio. Sussistono “fattori di natura legale, burocratica e organizzativa” che hanno rallentato i lavori, In media passano servono due anni per la consegna di opere sotto i 100mila euro, e 15 anni per quelle sopra i 100 milioni.

LEGGI ANCHE: Manovra finanziaria 2019: settore bancario, il piano di riforme del governo

Legge di bilancio: meno burocrazia nel 2019

Il governo intende creare una task force che dovrà eliminare questi ostacoli, rivedendo anche il codice degli appalti. Saranno però i privati ad avere un posto da protagonista.

L’intenzione è “valorizzare” le partnership fra pubblico e privato (PPP), con un triplice obiettivo. Innanzitutto migliorare l’efficienza nell’uso dei fondi pubblici; in secondo luogo per selezionare le opere che rendono di più in termini economici e di benessere pubblico. E infine per attrarre capitali italiani ed esteri.

Per agevolare questa missione è già in fase avanzata la definizione di un contratto standard PPP, per aiutare le amministrazioni a gestire i contratti e ridurre l’incertezza. Il contratto standard, su cui si lavora da diversi anni, dovrebbe aiutare a gestire tutte le fasi dei lavori, dalla progettazione alla gestione dell’opera pubblica finita.

LEGGI ANCHE: Pace fiscale 2019: nuovi beneficiari in manovra. La proposta

Legge di bilancio: verso una “razionalizzazione” delle opere pubbliche

Fino ad ora le partnership fra pubblico e privato non hanno funzionato benissimo. Anche di recente è accaduto che lo Stato commissionasse un’opera e ne affidasse la gestione al privato, salvo poi dover intervenire al suo salvataggio.

Il problema è che i vincoli della legge di bilancio non permettono più sprechi di fondi pubblici per opere inutili. Se a ciò si aggiungono opposizioni ideologiche, si capisce perché il governo ha annunciato l’intenzione di rivedere alcune opere pubbliche.

Il PNR elenca alcune opere da sottoporre ad analisi costi-benefici: la Gronda di Genova, la Pedemontana lombarda, il terzo valico, il collegamento Brescia-Padova e la Torino-Lione (la TAV).

L’augurio è che l’analisi costi-benefici delle opere pubbliche si limiti ai costi “reali” e non consideri con peso eccessivo i costi in termini di consenso elettorale. L’alternativa è avere ancora meno spazio in legge di bilancio per le altre promesse elettorali.

A meno di non scaricare sui cittadini ulteriori macigni sotto forma di debito pubblico.

LEGGI ANCHE: Aumento Bollo auto 2019, chi rischia la stangata

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

ultima modifica: martedì, 2 Ottobre 2018