•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 16 ottobre, 2018

articolo scritto da:

Legge di Bilancio 2018: deficit ridotto nel 2020 e 2021, quanto scende

Ultimi sondaggi politici elettorali, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, scontro su legge di bilancio 2019: flat tax, ultimi sondaggi elettorali

Legge di Bilancio 2018: deficit ridotto nel 2020 e 2021, quanto scende

Deficit 2020 e 2021, le cifre previste


Alla fine sembra che l’avrà vinta il Salvini di governo e non il Di Maio di lotta. Le ultime notizie sulla legge di bilancio suggeriscono che la Nota di Aggiornamento al DEF (non ancora pubblicata) vedrà un deficit per i prossimi anni ancora più basso rispetto agli annunci.

Venerdì 28 settembre Di Maio era apparso sul balcone di Palazzo Chigi per il trionfo del deficit al 2,4% nei prossimi tre anni. Ieri, 3 ottobre, sono circolate delle voci su un ribasso dei deficit a 2,2 e 2% nel 2020 e 2021.

Oggi si taglia ancora: nella prossima legge di bilancio il deficit 2019 sarà del 2,4%, ma nel 2020 si dovrà scendere a 2,1, mentre nel 2021 si punterà all’1,8%.

LEGGI ANCHE: Il deficit al 2,4% non è incostituzionale, ecco perché

Legge di bilancio: quindi hanno vinto i “mercati”?

La bufera sui titoli di Stato (lo spread era tornato verso quota 300) deve aver fatto decisamente qualcosa, e non tanto per degli inesistenti complotti. Probabilmente qualcuno ha fatto notare che lo spread ha effetti reali sulla vita delle persone (più care bollette e mutui, per esempio); o che se i titoli di Stato perdono valore i pensionati si arrabbieranno di brutto, e non basteranno 780mila lire di carta straccia a placarli.

Il problema, adesso, è il PIL. Il governo ritiene che ci sarà un rallentamento nella crescita, ma grazie alla manovra del cambiamento resterà ben sopra l’1% nel prossimo triennio.

Il resto delle istituzioni internazionali, invece, ritiene che ci sarà un ritorno allo “zerovirgola”. Confindustria, pur vicina al governo, vede un più realistico +0,9% nel 2019.

La probabilità pende per le stime più pessimiste. La crescita italiana è legata a quella globale, che è in rallentamento per via dei venti di guerra commerciale globale e delle minacce di chiusura delle frontiere.

LEGGI ANCHE: Perché l’Italia non può fare deficit come la Francia

Legge di bilancio: le conseguenze

Un PIL sovrastimato e un deficit al 2,4% significano una cosa molto semplice. A fine 2019 il rapporto fra deficit e PIL potrebbe essere più vicino al 3% che non al 2%. Il debito, invece di scendere, salirà e con esso lo spread e quindi i costi di bollette, mutui e molto altro.

Questo dovrebbe contribuire a spiegare perché Salvini e Tria (in quota Lega) stanno cercando di frenare sulle spese meno importanti. La vittima sacrificale, come da attese, è il “reddito di cittadinanza”, che secondo Salvini avrà una dotazione di 8 miliardi e probabilmente rischia di non essere rifinanziato nel 2020 se le attese di crescita dovessero essere deluse.

Di Maio, dal canto suo, ribadisce che i miliardi a disposizione per il “reddito di cittadinanza” sono 10. Non resta che attendere il DEF e, soprattutto, la Legge di Bilancio, che dovrebbe arrivare alla UE entro il 15 ottobre.

LEGGI ANCHE: Bonus 80 euro e stipendi 2019 a rischio, mancano i fondi per gli aumenti

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: