Viaggio in Inguscezia: corruzione, paganesimo e Islam

Pubblicato il 19 Aprile 2012 alle 23:42 Autore: EaST Journal
La bandiera dell'Inguscezia. REUTERS/Thomas Peter

Lo scorso dicembre un “burlone” di ministro inguscio, aveva annunciato alla stampa che sulle montagne caucasiche era stato catturato un esemplare dell’abominevole uomo delle nevi. A catturare lo yeti, sarebbero state le forze di polizia dell’Inguscezia, una piccola repubblica autonoma del Nord Caucaso. Tutto assolutamente falso. A dire tutto ciò è stato il ministro per il Lavoro e lo Sviluppo sociale Bagaudin Marshani, che ha ideato l’intera operazione pubblicitaria per finanziare alcuni progetti socialiin favore dei bambini bisognosi della piccola repubblica.

ingusceziaCi troviamo in Inguscezia (Glalglaĭ), una repubblica autonoma della Russia, un tempo accorpata alla vicina sorella Cecenia e che sino al 1992 formava con essa la Repubblica Autonoma della Cecenia-Inguscezia. Poco più grande della Valle d’Aosta, conta meno di 500mila abitanti. I ceceni e gli ingusci (anche se diversi tra loro) condividono la medesima genesi etnica e linguistica, e assieme vengono definiti “Popolo-Vainakh”.

Contrariamente a ciò che si possa pensare tra ingusci e ceceni non è corso mai buon sangue. Accusati da Stalin di collaborazionismo coi nazisti, furono scacciati dalle loro terre e deportati alla stregua di bestie, nei Gulag siberiani e kazaki. Rientrati in patria e riabilitati nel 1956, gli ingusci trovarono le loro terre confiscate ed assegnate ai vicini osseti, popolo anch’esso caucasico ma di religione cristiana e di lingua vicina all’iraniano. Da quel momento per l’Inguscezia si aprì un lungo stato di semi-belligeranza con la vicina Ossezia, a causa dei territori oggetto della requisizione stalinista e della relativa attribuzione ai loro vicini persiani.

Oggi sulla linea di confine tra Nord Ossezia e Inguscezia stazionano migliaia di soldati russi che costituiscono le forze di interposizione, a garanzia del mantenimento della pace tra i due popoli. Rispetto agli altri popoli caucasici di fede islamica, gli ingusci hanno subito un’islamizzazione superficiale e hanno mantenuto quasi intatto, un certo sistema di credenze pagane che pervade tutto il sentimento religioso e domestico delle famiglie vainakh. Formalmente musulmani (convertitisi ‘solo’ 150 anni fa) questo popolo professa un islam molto soft e anomalo, che si accompagna a un tacito e silenzioso universo di pratiche animistiche, che sfocia in atti di devozione per le divinità protettrici degli armenti e dei raccolti.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

L'autore: EaST Journal

East Journal è un progetto di giornalismo partecipativo che nasce dal basso, fatto da giovani e senza fini di lucro. East Journal è una testata registrata presso il Tribunale di Torino, n° 4351/11, del 27 giugno 2011. I contenuti sono condivisi con Termometro Politico grazie alla partnership nata da marzo 2012 tra le due testate giornalistiche. Il nostro obiettivo è quello di raccontare la “nuova” Europa, quella dell’est, che rappresenta il cuore antico del vecchio continente. La cultura e la storia ci insegnano la comune appartenenza. L’europeismo critico è dunque una nostra vocazione. Tra i nostri temi più cari figurano poi la tutela delle minoranze, l’analisi dell’estremismo di destra, la geopolitica energetica, il monitoraggio del crimine organizzato transnazionale.
    Tutti gli articoli di EaST Journal →