19/11/2018

Sondaggi elettorali Germania: CDU e SPD in caduta libera, Verdi oltre il 20%

autore: Emanuele Vena
Sondaggi elettorali Germania - intenzioni di voto 11-18 novembre 2018
Sondaggi elettorali Germania: CDU e SPD in caduta libera, Verdi oltre il 20%

I Verdi sfondano quota 20%, mentre la CDU conferma un inarrestabile calo di consensi. Questo è ciò che emerge dall’analisi del trend degli ultimi sondaggi elettorali condotti dai principali istituti demoscopici di Germania.

ultimi sondaggi, sondaggi politici elettorali, media sondaggi

Sondaggi elettorali Germania: il crollo della Große Koalition

Il partito di Angela Merkel sembra incapace di uscire dalla spirale al ribasso, uno scenario ulteriormente aggravato dal tonfo della CSU nel voto in Baviera del mese scorso. Ad oggi, il consenso del duo CDU-CSU si attesterebbe attorno al 26%, raggiungendo un nuovo minimo storico. Un trend che non risparmia anche l’altro partito storico tedesco, vale a dire i Socialdemocratici (SPD), che con l’attuale 14%  diventerebbero addirittura la quarta formazione politica del Paese. Ad oggi, i due partner di governo otterrebbero il voto di appena 4 tedeschi su 10, conquistando poco più del 42% dei seggi in palio nel Parlamento teutonico. Un dato che farebbe bruscamente calare il sipario sulla Große Koalition andata in scena in 3 delle ultime 4 legislature.

Sondaggi elettorali Germania - intenzioni di voto 11-18 novembre 2018

Sondaggi elettorali Germania: il boom dei Verdi

A beneficiare del calo dei due tradizionali kingmakers dell’arena politica tedesca sono soprattutto i Verdi (GRÜNE). Che, con il vento in poppa a seguito dell’ottima performance ottenuta in Baviera, ad oggi sfonderebbero quota 20% per tutti gli istituti, con un picco del 23% per Forsa. Un consenso più che raddoppiato rispetto a quello registrato alle urne appena 14 mesi fa. E che porta gli ecologisti a mettere nel mirino i democristiani – ora lontani meno di 5 punti – con il clamoroso obiettivo di diventare la prima forza politica del Paese.

Il boom dei Verdi non risparmia nessuno. Oltre ai due grandi partiti storici anche le altre formazioni di media entità risultano in calo rispetto all’ultima analisi condotta a fine settembre. A partire dall’estrema destra AFD, che subisce il sorpasso degli ecologisti ma resta di un soffio davanti alla SPD. Segno che l’onda nera sembra essersi quantomeno momentaneamente arrestata, rispetto alle performance di inizio autunno. Ugualmente in calo sono sia la Sinistra Die Linke che i Liberali FDP, pur mantenendo un robusto margine di sicurezza nei confronti della soglia di sbarramento del 5%.

(Media sondaggi basata sulle rilevazioni effettuate tra l’11 ed il 18 novembre dai seguenti istituti: Emnid, Forsa, Forschunsgruppe Wahlen, Infratest dimap, Insa, YouGov)

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Autore: Emanuele Vena

Lucano, classe ’84, laureato in Relazioni Internazionali presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Bologna e specializzato in Politica Internazionale e Diplomazia presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Padova. Appassionato di storia, politica e giornalismo, trascorre il tempo libero percuotendo amabilmente la sua batteria. Collabora con il Termometro Politico dal 2013. Durante il 2015 è stato anche redattore di politica estera presso IBTimes Italia. Su Twitter è @EmanueleVena
Tutti gli articoli di Emanuele Vena →