articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo: paesi aderenti e cosa dice

Sondaggi politici Demos: diritti dell'uomo, in molti ancora non li conoscono
Dichiarazione universale dei diritti dell’ uomo: paesi aderenti e cosa dice

Articolo 1 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo: “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed uguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”. Nell’insieme la dichiarazione è composta di 30 articoli. Si tratta di un documento adottato il 10 dicembre 1948 a Parigi dall’assemblea generale delle Nazioni Unite. Storicamente è da contestualizzare come un documento dal valore altamente etico e simbolico promosso all’indomani della seconda guerra mondiale. A distanza di 70 anni rappresenta un punto di riferimento in tema di diritti umani.

Dichiarazione universale dei diritti dell’ uomo, paesi aderenti

All’epoca facevano parte dell’assemblea generale delle Nazioni Unite 58 paesi. Il documento fu approvato col voto favorevole di 48 voti paesi. Mentre da parte degli altri 10 si registrarono otto astensioni e due si assenze nel momento del voto.

Elenco dei 48 paesi favorevoli. Afghanistan, Argentina, Australia, Belgio, Birmania, Bolivia, Brasile, Canada, Cile, Cina, Colombia, Costa Rica, Cuba, Danimarca, Ecuador, Egitto, El Salvador, Etiopia, Filippine, Francia, Grecia, Guatemala, Haiti, Islanda, India, Iran, Iraq, Libano, Liberia, Lussemburgo, Messico, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Nicaragua, Norvegia, Pakistan, Panama, Paraguay, Perù, Repubblica Dominicana, Siam, Svezia, Siria, Regno Unito, Stati Uniti d’ America, Turchia, Uruguay e Venezuela.

Mentre si astennero dal voto i rappresentanti di Arabia Saudita, Bielorussia, Cecoslovacchia, Jugoslavia, Polonia, Russia, Sudafrica e Ucraina. Infine i due paesi assenti: Yemen e Honduras.

Dichiarazione universale dei diritti dell’ uomo, i principi e le parole del Presidente della Repubblica Mattarella

La firma della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo è avvenuta a Parigi. La grande valenza della risoluzione sta nella centralità sancita dell’essere umano.

A ricordarne l’importanza a 70 anni di distanza le parole del Presidente della Repubblica Mattarella che in un messaggio diramato dal Quirinale ha definito la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo come “una scelta irrevocabile di civiltà per il genere umano, punto di riferimento per l’intera comunità internazionale”. Sottolineando inoltre come i principi di libertà riferita gli esseri umani rappresentino “un principio che precede gli stessi ordinamenti statali”. Infine ha concluso spiegando come “la promozione dei diritti umani nel mondo costituisce non solo un imperativo etico e morale, ma è uno strumento necessario per prevenire i conflitti, costruire società stabili e inclusive e, quindi, promuovere in modo sostenibile la pace, la sicurezza e lo sviluppo”.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

ultima modifica: lunedì, 10 Dicembre 2018