Pubblicato il 15/12/2018

Saranno famosi: Steven Bergwijn, il nuovo Robben

autore: Cesare Fabrizi
Serie B Fantacalcio 2018: lista ufficiale, regole e novità di quest'anno, probabili formazioni serie a. Verona-Palermo: diretta streaming e TV, ecco dove vederla. Dove vedere Benevento-Verona Saranno famosi: Steven Bergwijn, il nuovo Robben
Saranno famosi: Steven Bergwijn, il nuovo Robben

Lo abbiamo conosciuto questo martedì, quando in Champions league, a San Siro, ha sradicato palla ad Asamoah ed ha servito l’assist a Lozano per il gol che ha condannato l’Inter all’Europa League. Per la terza puntata della nostra rubrica andiamo in Olanda, a scoprire una delle giovani ali più promettenti del panorama europeo.

LEGGI ANCHE:Saranno famosi: Maxi Gomez, il “gordo” che sogna l’Atletico Madrid

Saranno famosi: la carriera di Bergwijn

Steven Bergwijn nasce ad Amsterdam l’8 ottobre 1997. Esordisce in Eredivisie col Psv nel 2015, a 18 anni non ancora compiuti. La sua prima stagione in pianta stabile con la prima squadra è la 2016/2017. Gioca 33 match fra Eredivisie, Coppa nazionale e Champions e segna 2 gol.

Utilizzato all’inizio come arma da usare a partita in corso dal tecnico Philip Cocu, è nell’annata scorsa che diventa titolare. Il Psv vince la Eredivisie e Bergwijn segna 8 gol e confeziona 11 assist nel campionato Olandese.

Con la stagione in corso e con l’avvento in panchina di Mark Van Bommel, Bergwijn diventa ancora più letale. Il Psv vince la Supercoppa nazionale e supera i Preliminari di Champions league, dove l’olandese firma una rete. Nel Girone di Champions League non segna ma fornisce l’assist per il suddetto gol di Lozano, ma è in Eredivisie che Bergwijn dà il meglio di sè. In 14 partite segna 7 gol e fornisce 7 assist, formando con Lozano e De jong un tridente da 31 gol in campionato.

Le ottime prestazioni di inizio stagione lo richiamano all’attenzione del CT Olandese, che inizia a convocarlo.

Saranno famosi: le caratteristiche di Bergwijn

Il giovane olandese di origini surinamesi può giocare in tutte le posizioni del tridente d’attacco. È un giocatore ambidestro velocissimo, capace di coprire ampi spazi di campo in poco tempo e con un tiro da fuori devastante. Ha nel dribbling ubriacante e nel cambio passo i suoi punti di forza. Piuttosto basso ed esile, le sue pecche consistono nei duelli aerei, nella fase difensiva e nella concretezza sotto porta. Da sottolineare la personalità: a soli 21 anni è già un leader dello spogliatoio.

In patria è paragonato a Robben, ma tra gli altri giocatori ricorda anche Alexis Sanchez. Le prestazioni degli ultimi mesi hanno richiamato l’attenzione di diversi top Club. Tra questi Inter, Tottenham, Liverpool e Barcellona. Soprattutto nel Campionato spagnolo e in quello inglese Bergwijn può essere letale. La sua velocità si potrebbe esaltare in campionati in cui si predilige la fase offensiva.

Chi vuole prendersi l’olandese faccia presto, perché presto il prezzo potrebbe lievitare vertiginosamente.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM