•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 1 ottobre, 2009

articolo scritto da:

Il G20 di Pittsburgh: un breve resoconto

sondaggi politici SWG, neoliberismo, manovra

Il G20 di Pittsburgh: un breve resoconto

Il G20 di Pittsburgh: un breve resoconto

E’ indubitabile che i grandi della terra sappiano individuare i luoghi che coniugano possibilità di sicurezza elevata con qualità e bellezza. Pittsburgh da città degli altiforni, da città iper-inquinata si è man mano trasformata in una città verde dove gli edifici energeticamente autosufficienti stanno diventando la normalità, dove l’aria è pulita, il verde dei parchi ha grande estensione, la qualità della vita migliora. Perfino la crisi immobiliare pare essersi fermata alle porte di questa città: I prezzi degli immobili hanno subito appena lievi ritocchi in raffronto ai crolli registrati altrove.

Qui per tre giorni i grandi della terra hanno proseguito sotto la veste del G20 gli incontri incominciati all’ONU nei giorni scorsi.

Qualche giocherellone, poco fiducioso, aveva ironizzato:i risultati del G20 saranno inversamente proporzionali alla frequenza dell’utilizzo della parola ‘etica’. Gli si può dar torto? Di nuovo ad insistere sui bonus e sugli emolumenti dei manager di banche ed istituzioni finanziarie. Di nuovo ad affrontare la questione prendendola dal lato simbolico del capro espiatorio da offrire alle opinioni pubbliche ben attenti a non intervenire su ciò che ha determinato la crisi e sta inducendo le banche salvate dai quattrini dei contribuenti a ricominciare il giochino forti delle gigantesche liquidità immesse nel mercato da governi e banche centrali. Se ne è appropriatamente occupato il Prof. Luigi Zingales sostenendo alcune tesi che faranno storcere il naso ai teorici del declino del capitalismo e del liberismo. Ma è difficile contraddire l’ipotesi che il plafonamento degli stipendi dei manager bancari imposto dal Presidente Clinton nel 1993, atto legislativo e politico, non abbia a che fare con l’esplosione dei bonus. E’ difficile sostenere che un addetto del settore finanziario-bancario guadagni 70 volte in più di un pari grado di altri settori se non in forza di protezioni e griglie di ingresso. E’ difficile credere che le responsabilità vadano tutte ai manager e banchieri avidi e senza cuore quando gli azionisti sono quelli che più beneficiano ed hanno beneficiato dei megagalattici profitti che la leva finanziaria ha consentito. E questo meccanismo di profitti attesi dagli azionisti e cercati dal management si innesta su regole di governance che rendono i Consigli di amministrazione e manager clan chiusi nei quali regna il manager che più di altri ha ottenuto stratosferici risultati. Se poi si pensa ai casi nei quali la leva finanziaria è arrivata a 50,60,80 ed oltre, si capisce come i guadagni arrivino con bassi rischi per gli azionisti e grossi rischi per chi presta il danaro, rischi che però sono assai ben sopportabili dai prestatori perché, al momento giusto arriva pantalone. Come si è dimostrato. Se questi temi restano fuori dal dibattito e da possibili interventi, la parola etica sarà sventolata quanto si vuole ma i risultati non arriveranno. Arrivano invece rialzi di borsa che non sembrano collegati con i fondamentali dell’economia e con le prospettive di profittabilità delle imprese che, salvo eccezioni, non paiono affatto entusiasmanti. Anche la stabilità finanziaria è stato un cavallo di battaglia del G20.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: