Quaranta volte Stefano Sorrentino. Il portiere del Chievo: “Non smetto di giocare”

Pubblicato il 28 Marzo 2019 alle 20:48 Autore: Lorenzo Annis

Quaranta volte Stefano Sorrentino. Il portiere del Chievo: “Non smetto di giocare”. Il 28 marzo del 1979 a Cava de’ Tirreni, provincia di Salerno…

Quaranta volte Stefano Sorrentino. Il portiere del Chievo Non smetto di giocare
Quaranta volte Stefano Sorrentino. Il portiere del Chievo: “Non smetto di giocare”

Il 28 marzo del 1979 a Cava de’ Tirreni, provincia di Salerno, nasceva Stefano Sorrentino. Figlio d’arte, il papà Roberto ha giocato sempre come portiere, tra le altre, con Cagliari e Bologna.

Portiere molto agile e autentico leader di squadra, Sorrentino ha militato nelle giovanili di Lazio e Juventus. Nella sua ventennale carriera da professionista, ha vestito anche le maglie di Torino, Juve Stabia, Varese, AEK Atene, Recreativo Huelva, Chievo e Palermo.

Proprio con la maglia dei clivensi sta vivendo una stagione difficilissima, che molto probabilmente si concluderà con la retrocessione dei veronesi. Da sempre tra i migliori interpreti del ruolo in Italia, riconosciuto anche da tanti avversari, non è mai riuscito tuttavia ad indossare la maglia della Nazionale.

In carriera vanta oltre 600 presenze ufficiali, alcune delle quali anche in Champions League e Coppa UEFA, racimolate ai tempi dell’esperienza all’AEK.

LEGGI ANCHE: La confessione choc di Walter Sabatini: “Avessi preso l’aereo per la Cina sarei morto”

Le parole di Sorrentino: “Voglio le 400 gare in Serie A”

Nonostante gli “anta” raggiunti, Sorrentino non ha proprio voglia di appendere i guantoni al chiodo. Lo ha rivelato in un’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport nella quale, tra le altre cose, ha dichiarato di credere ancora fermamente alla salvezza del Chievo:

Io continuo. Tempo fa dicevo che volevo arrivare a 40 anni in A e ce l’ho fatta, il prossimo obiettivo sono le 400 partite in massima serie e non me ne mancano tante. Se le supero, magari andrò anche a prendere Ballotta. Opzione di rinnovo col Chievo? Col presidente c’è un rapporto splendido. A fine anno vedremo cosa sarà meglio per tutti. Vedremo anche la categoria: finché l’aritmetica non ci condanna io ci credo. Il mio futuro ora è la partita col Cagliari“.

Qualche parola anche per la Nazionale di Mancini:

Sull’Italia di Mancini? Bene, sono contento perché c’è entusiasmo. È tornata l’Italia che porta gente allo stadio e alla tv, quella che quando si ferma il campionato uno dice: “Gioca la Nazionale, pizza e birra da me”. E vedo la voglia da parte dei convocati di andarci. Negli ultimi anni, osservando da fuori, mi pareva un peso“.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

L'autore: Lorenzo Annis

Nato il 1° luglio del 1996, è nel Termometro Politico dal 2017. Scrive prevalentemente di sport dividendosi tra pallone e pedali, le sue più grandi passioni sportive.
    Tutti gli articoli di Lorenzo Annis →