15/05/2019

Modello 730 precompilato 2019 congiunto: vantaggi e istruzioni, come si fa

autore: Daniele Sforza
Modello 730 precompilato 2019 congiunto: vantaggi e istruzioni, come si fa
Modello 730 precompilato 2019 congiunto: vantaggi e istruzioni, come si fa

A proposito di modello 730 precompilato, già disponibile e a partire da inizio maggio modificabile, integrabile o approvabile così com’è, ci sono ancora delle questioni che possono porsi. Tra queste spicca il modello 730 2019 precompilato o ordinario congiunto.

Modello 730 precompilato 2019 congiunto: le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate

Come si legge nelle istruzioni di compilazione del 730/2019 pubblicate dall’Agenzia delle Entrate, il modello 730 in forma congiunta può essere presentato dai coniugi se questi ultimi possiedono solo determinati redditi (che specificheremo in seguito e che sono utili per la dichiarazione) e almeno uno dei due coniugi può usare il modello 730. Infatti, spiega l’Agenzia, “non è possibile utilizzare la forma congiunta se si presenta la dichiarazione per conto di persone incapaci, compresi i minori e nel caso di decesso di uno dei coniugi avvenuto prima della presentazione della dichiarazione dei redditi”. In ogni caso, nel 730 2019 congiunto è da indicare come “dichiarante” il coniuge che ha come sostituto d’imposta il soggetto al quale viene presentata la dichiarazione, oppure quello scelto per effettuare i conguagli d’imposta negli altri casi.

Modello 730 precompilato 2019 congiunto: i redditi utili per la dichiarazione

I redditi che abbiamo citato e che consentono ai contribuenti di usare il modello 730 precompilato o ordinario sono i seguenti:

  • Redditi di lavoro dipendente e assimilati;
  • Di terreni e fabbricati;
  • Di capitale;
  • Redditi di lavoro autonomo (senza partita Iva);
  • Redditi diversi.

Modello 730 2019 congiunto: chi può presentarlo

Chi può presentare il modello 730 precompilato o ordinario congiunto? I coniugi e le coppie unite civilmente. Queste dovranno possedere le credenziali di accesso al Cassetto Fiscale. Chi presenta la dichiarazione è il Dichiarante, mentre l’altro è il coniuge che dovrà barrare solo la casella Dichiarazione Congiunta. La compilazione andrà fatta singolarmente e solo in modalità di presentazione sarà possibile operare la congiunzione. Sono invece esonerati da questa possibilità i soggetti che presentano il modello Redditi Persone Fisiche.

Modello 730 2019 precompilato o ordinario congiunto: gli adempimenti

Il Dichiarante e il Coniuge che trasmettono il modello 730 congiunto sono tenuti all’assolvimento di alcuni adempimenti. Il soggetto Dichiarante dovrà compilare il modello 730 e quindi opzionare la Dichiarazione Congiunta. A questo punto, potrà entrare nella sezione di stampa e invio dove potrà verificare l’esito del calcolo della dichiarazione, stampare il modello Pdf e inviare la dichiarazione congiunta, controllando poi l’emissione dell’apposita ricevuta di invio.

Come abbiamo scritto sopra anche il coniuge dovrà compilare la propria dichiarazione per poi opzionare la sezione “Sì, come coniuge” al momento del salvataggio. Alla verifica del prospetto di liquidazione, anche il Coniuge potrà visualizzare l’esito del calcolo del 730, stampare il pdf e confermare la dichiarazione in qualità di coniuge.

Modello 730 precompilato congiunto: quali sono i vantaggi

Come scrive giustamente Informazione Fiscale, nonostante la presentazione del modello 730 2019 congiunto confluisca nella tassazione separata dei due coniugi (infatti si tratta di due dichiarazioni), il vantaggio importante di questa scelta sussiste se uno dei due coniugi (o uno dei due soggetti che formano la coppia unita civilmente) non ha sostituto d’imposta. Infatti, in questa eventualità ci si potrà avvalere del datore di lavoro (ovvero, del sostituto d’imposta) dell’altro coniuge al fine di usufruire della detrazione spese scolastiche, mediche, etc.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →