Pubblicato il 10/06/2019

Sondaggi elettorali SWG, crescono sia Lega che Movimento 5 Stelle

autore: Gianni Balduzzi
sondaggi elettorali
Sondaggi elettorali SWG, crescono sia Lega che Movimento 5 Stelle

Maggioranza di governo in grande spolvero secondo gli ultimi sondaggi elettorali di SWG per il Tg di La7.

Sia Lega che Movimento 5 Stelle sono visti in crescita. E anzi, forse a sorpresa è soprattutto il movimento di Di Maio a mettere a segno l’incremento più grande.

La Lega raggiunge in ogni caso valori record, e i due partiti di maggioranza ritornano ai livelli di alcuni mesi fa, in piena luna di miele, lontani da quelle percentuali più vicine al 50% in cui erano scese negli ultimi sondaggi elettorali prima delle europee.

Certo, il M5S continua a valere meno della metà della Lega, ma a quanto pare, come già era emerso da altri sondaggi, la gran parte dei sostenitori dei due partiti e degli italiani non vuole sperimentare nuove geometrie politiche e vuole che sia questa la maggioranza che governa l’Italia.

Ma vediamo i numeri, raccolti come negli altri sondaggi elettorali SWG con metodo CATI-CAWI-CAMI su un campione di 1500 intervistati

Sondaggi elettorali, M5S e Lega crescono del 1,7% in una settimana

In una sola settimana la coalizione di governo cresce del 1,7%, dal 54% al 55,7%.

È il risultato dell’aumento della Lega, che vola al 37,3%, mettendo a segno un +0,8%, e di quello del Movimento 5 Stelle, che va al 18,4%, incrementando la propria percentuale di voto del 0,9%.

La conseguenza è che le forze di opposizione sono in calo quasi tutte.

Il PD, che scende del 0,7% al 22,8%, tornando ai risultati delle elezioni europee, ma anche Fratelli d’Italia e Forza Italia, appaiate al 6,3%. È però il partito di Berlusconi quello che soffre la marcia indietro peggiore, perdendo sei decimi rispetto al 6,9% iniziale, comunque lontano dal pur deludente 8,8% delle europee.

Per Fratelli d’Italia invece si tratta di un -0,3%.

+Europa sale invece del 0,1% arrivando al 2,8%, raggiunta dai Verdi, che crescono di due decimi.

È crisi nera per la sinistra radicale. La lista di Sinistra scende al 1,5%, perdendo altri due decimi.

Giù anche i partiti minori, che calano di mezzo punto al 1,5%.

Astensione in forte aumento rispetto agli ultimi sondaggi elettorali, dal 31% al 35%, e forse anche qui sta la ragione della crescita dei partiti di governo, più motivati forse in un periodo in cui sui media soffiano venti di crisi di governo

ultimi sondaggi, sondaggi politici elettorali, media sondaggi
sondaggi elettorali
sondaggi elettorali

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Gianni Balduzzi

Editorialista di Termometro Politico, esperto e appassionato di economia, cattolico- liberale, da sempre appassionato di politica ma senza mai prenderla troppo seriamente. "Mai troppo zelo", diceva il grande Talleyrand. Su Twitter è @Iannis2003
Tutti gli articoli di Gianni Balduzzi →