11/06/2019

Sondaggi politici Tecnè: trattativa Ue, italiani divisi

sondaggi politici tecne
Sondaggi politici Tecnè: trattativa Ue, italiani divisi

Sondaggi politici – Al vertice andato in scena ieri sera a Palazzo Chigi tra Conte, Di Maio e Salvini il convitato di pietra è stata la procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia. Di tutto però si è parlato tranne che di rapporti con l’Europa.

Le posizioni sulla linea da tenere sono distanti tra i componenti del governo giallo verde: da una parte il premier e il ministro Tria premono per trovare un’intesa con l’Ue, dall’altra l’asse dei vicepremier che non vogliono sentire parlare di manovra correttiva.

Sondaggi politici Tecnè: trattativa Ue, necessario un altro vertice di governo

Come spiega una nota di Palazzo, sul tema si cercherà di trovare una quadra in un altro vertice: “Sarà necessario un incontro con i tecnici del Mef e il ministro Tria per mettere a punto una strategia da adottare nell’interlocuzione con l’Europa, volta ad evitare una procedura di infrazione per il nostro Paese, e per impostare una manovra economica condivisa”.

Sondaggi politici Tecnè: Tria “Troveremo soluzione”

Da Fukuoka, dove si trova per la due giorni di lavori del G20 finanziario, il ministro dell’Economia rimarca la propria posizione: “Sulla procedura e sul deficit c’è un negoziato e un dialogo con la Commissione Ue e sono sicuro che troveremo una soluzione perché il governo italiano è solito rispettare le regole di bilancio dell’Ue”.

Dopo, “proveremo a dimostrare che il nostro programma le rispetta. Dobbiamo discutere su come misurare alcuni indicatori e questa è la situazione”.

Ma non sono solo i componenti del governo ad essere divisi sulla linea da adottare con Bruxelles in merito alla procedura d’infrazione che ci vede protagonisti, nostro malgrado. Anche gli italiani si dividono in possibilisti e oltranzisti.

Sondaggi politici Tecnè: trattativa Ue, italiani divisi sulla strategia da adottare

A rivelarlo è un sondaggio Tecnè per Quarta Repubblica. Il 27% si schiera con l’esecutivo e afferma che è giusto “battere i pugni” con la Ue per far valere le proprie ragioni. Anche il 28% è d’accordo con la linea dura però “bisogna evitare toni eccessivi anche se si ha ragione”.

Il 25% si allinea invece alle posizioni Ue, definendo giuste le critiche di Bruxelles nei confronti di Roma. La maggioranza degli elettori di Lega e Cinque Stelle, manco a dirlo, sono in sintonia con il volere dei rispettivi leader.

sondaggi politici tecne

Nota metodologica

Allegata all’immagine.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]