Pubblicato il 27/06/2019

Batterio killer Inghilterra: sintomi, contagio e quanti morti ha causato

autore: Giuseppe Spadaro
Batterio killer Inghilterra: sintomi, contagio e quanti morti ha causato

Tempo fa vi abbiamo parlato del batterio killer a Massa, mentre questa volta l’allarme arriva dall’Inghilterra dove si contano già 12 morti. Di cosa si tratta? I 32 contagi e le 12 vittime sono dovuti ad una infezione da Streptococco A invasiva (iGAS) che si è diffusa appunto nella contea di Essex.

Batterio killer, colpiti gli anziani

Il pubblico a rischio è quello composto da anziani. In particolare, riferiscono le fonti sanitarie, coloro che “sono stati curati per ferite croniche in comunità e case di cura”. Fondamentale per contrastare l’infezione è la terapia antibiotica.

Per evitare di creare inutili allarmismi è stato anche spiegato che “il rischio di contrarre la patologia è basso per la maggioranza della popolazione e il trattamento con antibiotici è molto efficace se avviato nei primi stadi della malattia”.

Batterio killer, sintomi

Quali sono i sintomi? Dal ministero della Salute hanno fatto sapere che i sintomi della malattia sono simili a quelli di una ferita.

Fate attenzione ai dolori alla pelle, al rossore intorno all’esterno, il calore in eccesso o lo scarico dalla zona della ferita. Altri sintomi includono febbre o sensazione di malessere generale, stanchezza o perdita di appetito”.

Come già anticipato “il rischio di contrarre l’iGAS è molto basso per la stragrande maggioranza delle persone, colpisce soprattutto le persone anziane e il trattamento con antibiotici è molto efficace se avviato nei primi stadi della malattia”.

Ricerche in corso

“Continueremo – hanno affermato alcuni responsabili del gruppo clinico del Mid Essex Hospital – a collaborare con i nostri partner per indagare su come si è verificato questo focolaio e compiere ogni possibile passo per garantire la protezione della nostra comunità locale”.

Sulle cause sono in corso ricerche ma per ora non vi è nessuna certezza: “Al momento, nonostante ci sia un’indagine in corso, non siamo ancora in grado di identificarne la natura” hanno fatto sapere le autorità sanitarie.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →