Pubblicato il 06/07/2019

Poste italiane: conto corrente e Postepay, sms di conferma obbligatorio

autore: Guglielmo Sano
Poste italiane: conto corrente e Postepay, sms di conferma obbligatorio
Poste italiane: conto corrente e Postepay, sms di conferma obbligatorio

Anche Poste Italiane deve adeguarsi entro il 14 settembre 2019 alla nuova normativa sulle transazioni online che ha come obiettivo quello di ridurre il rischio frodi e furti di dati bancari in generale.

Poste Italiane: truffa notifica Postepay è allarme. Quanti soldi si perdono

Poste italiane: la nuova direttiva sulle transazioni online

Le nuove misure di sicurezza saranno rese operative in base alla PSD2, la Payment Services Directive. Questa impone per le transazioni online una procedura di autenticazione più rigida: si tratta della cosiddetta Strong Customer Authentication (SCA). In sostanza bisognerà autenticarsi con almeno due di tre elementi fondamentali quali pin, codice su smartphone e impronta digitale. Tutti i pagamenti che non saranno conformi all’autenticazione SCA non saranno accettati.

Poste Italiane: Postepay Evolution e acquisti online. Il sistema di sicurezza

Le modifiche per Postepay e BancoPosta

Innanzitutto, bisognerà registrarsi sul sito di Poste quindi associare al prodotto finanziario il proprio numero di telefono. La comunicazione di quest’ultimo servirà per l’invio di codici necessari all’autenticazione che verrà richiesta tutte le volte che si vorranno effettuare delle operazioni online con Postepay o carta di debito BancoPosta. Sarà inoltre necessario anche scaricare l’applicazione mobile di Postepay e/o Bancoposta.

Postepay Connect di Poste Italiane: costo e come funziona

In pratica, non basteranno più soltanto username e password utilizzate per accedere a Poste.it e neanche la Spid: per essere precisi, si dovranno comunque inserire il proprio username e la propria password Poste o l’identità digitale ma successivamente si riceverà una notifica dall’app di Postepay o Bancoposta. Quindi, verrà richiesto l’inserimento di codice PosteID oppure l’impronta digitale; d’altra parte, si può utilizzare anche il metodo dell’sms Otp (One time password), cioè si riceverà il codice valido per autorizzare un’unica operazioni online tramite messaggio di testo sul cellulare.  

Autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →