Pubblicato il 10/07/2019 Ultimo aggiornamento: 12 Luglio 2019 alle 11:34

Governo ultime notizie: scontro Salvini-Spadafora per Carola

autore: Alessandro Faggiano
Governo ultime notizie: scontro Salvini-Spadafora per Carola
Governo ultime notizie: scontro Salvini-Spadafora per Carola

L’esponente del Movimento 5 Stelle Vincenzo Spadafora è un fiume in piena. Il pentastellato ha attaccato duramente il ministro dell’Interno Matteo Salvini per il trattamento riservato a Carola Rackete. Secondo il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alle Pari Opportunità, gli epiteti utilizzati da Salvini nei confronti della capitana della Sea Watch 3 (in particolare, “sbruffoncella”) fomenterebbero comportamenti maschilisti. Spadafora ha così parlato in un’intervista rilasciata a Repubblica.

Governo ultime notizie, Spadafora contro Salvini: “aperta scia d’odio maschilista contro la capitana”

“L’ha definita criminale, pirata, sbruffoncella. Parole, quelle di Salvini, che hanno aperto la scia dell’odio maschilista contro la capitana, con insulti dilagati per giorni e giorni sui social. L’Italia vive una pericolosa deriva sessista, come facciamo a contrastare la violenza sulle donne, se gli insulti alle donne arrivano proprio dalla politica, anzi dai suoi esponenti più importanti?” Queste, le accuse lanciate da Spadafora al vicepremier leghista.

Salvini ha risposto quasi all’istante: “cosa sta a fare al governo con un pericoloso razzista e maschilista? Se pensa che sono così brutto e cattivo, fossi in lui mi dimetterei e farei altro, ci sono delle Ong che lo aspettano.” Il titolare del Viminale punzecchia il sottosegretario incitandolo a dimettersi, anche se non si può parlare di una vera e propria crisi. Da un lato, la Lega fa fronte comune per difendere il suo Segretario. Dall’altro, all’interno del Movimento 5 Stelle, si crea una spaccatura. Un gruppo di deputati ha sottoscritto la propria approvazione verso le parole pronunciate da Spadafora nell’intervista rilasciata a Repubblica.

Governo ultime notizie: il comunicato dei pentastellati

“Non comprendiamo tutto questo clamore intorno alle affermazioni del Sottosegretario Spadafora. I numeri dell’ultima indagine Istat manifestano che il fenomeno della violenza sulle donne nel nostro Paese non è affatto debellato. Che questo fenomeno si alimenti anche con determinate affermazioni e che l’esempio incide anche sull’approccio culturale, non è un mistero per nessuno. Basti pensare che in Italia le donne sono oggetto del 63% di tutti i tweet negativi. Ognuno di noi, quindi, nel rispetto del proprio ruolo, ha la responsabilità di combattere e debellare questo fenomeno. E il lavoro portato avanti sul codice rosso dal Sottosegretario Spadafora e dalla ministra Bongiorno va proprio in questo verso. Detto ciò è compito e dovere di tutti lavorare ed andare avanti per la tutela di tutti i cittadini.”

La nota è stata sottoscritta da 14 parlamentari pentastellati.

Di Maio cerca di placare gli animi

Il vicepremier in quota 5 Stelle ha cercato di spegnere ogni polemica, rimarcando i buoni risultati ottenuti dal governo giallo-verde nel suo primo anno di vita. “Sono già partiti quasi tutti gli appalti, il 96%, dei 400 milioni stanziati per i Comuni, questi sono temi di cui deve parlare il governo e che ci rendono orgogliosi. Lavoriamo e andiamo avanti.”

Autore: Alessandro Faggiano

Caporedattore di Termometro Sportivo e Termometro Quotidiano. Analista politico e politologo. Laureato in Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Salerno e con un master in analisi politica conseguito presso l'Universidad Complutense de Madrid (UCM).
Tutti gli articoli di Alessandro Faggiano →