Elezioni regionali Umbria 2019: exit poll e risultati. Ha vinto il Centrodestra

Pubblicato il 27 Ottobre 2019 alle 11:30
Aggiornato il: 2 Novembre 2019 alle 08:50
Autore: Guglielmo Sano
Vista piazza di Perugia

8.30 Spoglio completato (1.005 sezioni su 1.005 scrutinate): Donatella Tesei, candidata del centrodestra, si impone con 255158 voti, ovvero il 57,5% del totale. Venti punti indietro troviamo Vincenzo Bianconi, il candidato del centrosinistra con il Movimento 5 Stelle (166179 voti). Terzo posto per Claudio Ricci, 11718 voti e il 2,6% del totale.

Alla maggioranza di centrodestra andranno 12 seggi su 20 presenti in consiglio regionale, così distribuiti:

ListaN. seggi
Lega8
Fratelli d’Italia2
Forza Italia1
Tesei Presidente1

Al centrosinistra con M5S spetteranno 7 seggi (oltre a quello assegnato al candidato presidente Bianconi), così ripartiti:

ListaN. seggi
Partito Democratico5
MoVimento 5 Stelle1
Bianconi per l’Umbria1

7.27 A spoglio oramai completo (scrutinate 1.003 su 1.005) il verdetto è chiaro. Il centrodestra strappa l’Umbria al centrosinistra. Donatella Tesei vince con 20 punti di scarto sullo sfidante Vincenzo Bianconi. (57,5 contro 37,5%). Boom di Fratelli d’Italia che raddoppia i consensi e supera Movimento 5 Stelle e Forza Italia. I partiti di Salvini e Meloni insieme sfiorano il 50% dei consensi. Il Pd tiene rispetto alle Europee (22,4 contro 23,98) mentre crolla il Movimento 5 Stelle (dal 14,63 al 7-8%) che sembra aver già archiviato l’esperimento civico insieme ad un altro partito. Di diverso avviso il segretario Pd, Nicola Zingaretti: “La sconfitta è netta e conferma una tendenza negativa del centrosinistra consolidata in questi anni in molti grandi comuni umbri che non si è riusciti a ribaltare. Il risultato conferma, malgrado scissioni e disimpegni, il consenso delle forze che hanno dato vita all’alleanza”. Salvini intanto canta vittoria: “Qualcuno stanotte a Roma avrà qualcosa su cui riflettere”, ha detto il leader della Lega. “Gli italiani – ha aggiunto – non amano i traditori e i poltronisti”.

02.00 Continua lo scrutinio in Umbria ma il risultato delle ultime regionali è già praticamente scritto. Netta affermazione del centrodestra guidato da Donatella Tesei, l’alleanza locale tra centrosinistra e Movimento delude. I 5 stelle, tra l’altro, sono stati scavalcati da Fratelli d’Italia, ora terzo partito della regione (mentre Forza Italia tutto sommato tiene rispetto alle Europee). Il centrodestra adesso governa 12 regioni italiane.

01.45 A Terni Lega al 40,5%, in crescita di 3 punti di percentuale rispetto alle Europee. D’altra parte, anche se si sta attestando a livelli mediamente altissimi un po’ ovunque, il Carroccio potrebbe terminare lo scrutinio lievemente in calo rispetto al voto di maggio: un piccola percentuale di consenso è stata assorbita dalle liste civiche.

01.40 Nuova proiezione di Swg per La7; cambia poco rispetto a quello già tracciato dalle precedenti

01.35 A Perugia il Movimento 5 Stelle dal 13% delle Europee fino al 5%

01.30 Scrutinato il 15% delle schede: Tesei al 59,2%, Bianconi al 35,9%

01.20 Mentre il candidato giallorosso Bianconi ammette la sconfitta continua lo scrutinio; a Gubbio, città tra quelle più storicamente a sinistra della regione, il centrodestra tocca il 51%.

01.10 Anche Renzi interviene sulle elezioni in Umbria: Conte? “Un boomerang”

01.05 Intanto, il Movimento 5 Stelle in una nota spiega: “Il patto civico per l’Umbria lo abbiamo sempre considerato un laboratorio, ma l’esperimento non ha funzionato. Il Movimento nella sua storia non aveva mai provato una strada simile. E questa esperienza testimonia che potremo davvero rappresentare la terza via solo guardando oltre i due poli contrapposti. Abbiamo provato a dare a questa regione una alternativa che non prevedesse le solite dinamiche politiche, vista l’emergenza che sta attraversando.Dalla formazione del primo esecutivo ci è stato subito chiaro che stare al Governo con un’altra forza politica – che sia la Lega o che sia il Pd – sacrifica il consenso del Movimento 5 Stelle.Ma noi non siamo nati per inseguire il consenso, bensì per portare a casa i risultati, come il carcere per gli evasori di questa settimana e il taglio dei parlamentari della settimana precedente.Senza raggiungere il 51% imposto dalla legge elettorale, abbiamo avuto bisogno necessariamente di trovare altre forze politiche per governare.Continuiamo a lavorare umilmente, rispettando gli impegni e mettendoci al servizio”.

00.55 Nuova proiezione di Swg per La7; Tesei sempre largamente davanti a Bianconi, Lega primo partito, Fratelli d’Italia scavalca il Movimento.

00.50 Il governo presieduto da Giuseppe Conte non dovrà affrontare solo il risultato del voto umbro ma anche i possibili risvolti di un’inchiesta pubblicata in serata dal Financial Times. L’attuale premier italiano, all’epoca ancora sconosciuto professore universitario di Firenze, venne assunto da un gruppo di investitori in possesso di un fondo di investimento, sostenuto dal Vaticano, ora al centro di un caso di corruzione.

00.45 Anche Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia (terzo partito in Umbria, davanti ai 5 stelle) chiede le dimissioni del premier Conte insieme al capo del Carroccio Salvini; quest’ultimo, tra l’altro, invita anche il Quirinale a prendere atto del voto delle regionali nella regione ormai ex “roccaforte rossa”

00.13 Nuova proiezione di SWG per La7; poco da dire: il centrodestra stravince le elezioni in Umbria

00.08 Da notare che non cambia molto il risultato della Lega rispetto alle Europee, come si era affermata a maggio si è affermata oggi

23.59 Forza Italia in lieve calo rispetto alle Europee, sono le liste civiche a sottrarre consenso agli azzurri

23.56 In netta crescita Fratelli d’Italia che dal 6,6% delle Europee arrivano all’11%

23.54 Nuove proiezioni di Swg per La7; Tesei al 60%, Lega al 38%

23.52 Affluenza finale al 64,42% contro il 55,43% del 2015. Torna la voglia di votare da parte dei cittadini umbri, forse dire di volere togliere il diritto di voto agli anziani non è stata una buona idea…

23. 46 La situazione sembra confermare quanto riportato nell’ultima rilevazione di Termometro Politico, soprattuto, per quanto riguarda il consenso accordato alla Lega

Sondaggi elettorali TP, la coalizione di centrodestra al 49%

23.43 scrutinati 88 comuni su 92, l’affluenza è al 64,27%, si fermò al 54,84% del 2015. Il dato è superiore persino a quello delle europee 2019: ciò non può non avere un significato politico.

23.41 Aspettando i dati reali si può ipotizzare una perdita del 7-13% per il Movimento 5 Stelle rispetto alle Europee

23.39 Se le proiezioni venissero confermate dai dati reali il centrosinistra sarebbe in perdita del 6% rispetto alle Europee.

23.37 Prima proiezione su dati reali di Swg per La7

23.30 L’aumento della affluenza rispetto alle elezioni passate sembra essere di poco meno del 10%. Una inversione di tendenza notevole rispetto alle tornate precedenti.

23.29 L’affluenza finale alle regionali umbre è del 2,3% più alta rispetto a quella delle ultime Europee

23.27 Anche Antonio Tajani saluta con soddisfazione il risultato che sta maturando in Umbria: “gli italiani vogliono un governo di centrodestra”

23.25 Durante la Maratona elettorale di Enrico Mentana su La7 vengono diffuse le nuove intenzioni di voto Swg

23.20 Prima dichiarazione di Matteo Salvini: in Umbria “un’impresa storica”.

23.17 Anche secondo gli exit diffusi da Sky Donatella Tesei (centrodestra) è fortemente in vantaggio

23.11 Secondo i primi exit di Opinio Italia (Rai) e Tecné (Mediaset) Donatella Tesei del centrodestra è in grosso vantaggio sul candidato giallorosso Bianconi

23.01 Secondo un exit poll di Opinio per Rai (aggiornato alle ore 16) Donatella Tesei (centrodestra) dovrebbe raggiungere il 58-62%, Bianconi (centrosinistra+M5S) potrebbe conquistare tra il 32% e il 37% dei voti.

19.40 Arrivano i dati definitivi sull’affluenza alle ore 19. Ha votato il 52,80% degli aventi diritto, nel 2015 la percentuale non superava il 39,92%. Perugia (53,09%, +13% rispetto a 5 anni fa) batte Terni (51,97%, 37,90% alla scorsa tornata).

19.25 Affluenza ore 19: ha votato oltre il 52% del censo elettorale. Crescita esponenziale, rispetto alle ultime regionali nel quale la partecipazione – a quest’ora – si fermava al 40,25%. Mancano ancora i dati definitivi sull’affluenza delle ore 19:00 ma si può affermare con certezza che c’è stato un incremento significativo della partecipazione.

14.30 Affluenza ore 12: ha votato il 19,55% degli aventi diritto. Il dato è in netta crescita rispetto a 4 anni fa quando alla stessa ora aveva votato il 15,39%. In provincia di Perugia si passa dal 15,65% all’attuale 19,68%, in provincia di Terni dal 14,64% si arriva al 19,19%.

11.30 Segui la diretta delle Regionali umbre su Termometro Politico!

Elezioni regionali Umbria 2019: quando e come si vota, la guida


Domenica 27 ottobre 2019 si vota per eleggere il Governatore e rinnovare il Consiglio Regionale in Umbria. Per la prima volta, il centrodestra ha ottime possibilità di battere il centrosinistra al potere sin dalla fondazione della regione nel 1970.

Elezioni regionali Umbria: i candidati

Il centrodestra si presenta con Donatella Tesei, 61 anni, avvocato, oggi senatrice leghista ed ex sindaco di Montefalco, comune in provincia di Perugia, per due mandati a partire dal 2009. Partito Democratico e Movimento 5 Stelle sosterranno congiuntamente la candidatura di Vincenzo Bianconi; 47 anni, imprenditore alberghiero e Presidente della Federalberghi umbra, originario di Norcia, nel recente passato è stato vicino a Forza Italia, è stato scelto soltanto a fine settembre.

Tutti con poche possibilità di inserirsi nel duello tra la Tesei e Bianconi gli altri candidati: Emiliano Camuzzi (Potere al Popolo, Partito Comunista Italiano), Martina Carletti (Riconquistare l’Italia), Giuseppe Cirillo (Partito delle Buone Maniere), Antonio Pappalardo (Movimento Gilet Arancioni), Claudio Ricci (appoggiato da varie liste civiche) e Rossano Rubicondi (Partito Comunista).

Elezioni regionali Umbria 2019: candidati, data e quando si vota

Come si arriva al voto?

In teoria, le Regionali umbre si sarebbero dovute tenere a inizio 2020; d’altra parte, lo scorso aprile, un’inchiesta giudiziaria relativa ad alcune assunzioni irregolari nella Sanità regionale ha determinato le dimissioni della Governatrice Catiuscia Marini e un terremoto nella sua giunta (arrestato l’assessore alla Sanità) e nel suo partito, il Pd (arrestato il segretario regionale Dem). Nonostante le aspre critiche pronunciate dal Movimento nei confronti del Partito Democratico a seguito dello scandalo, i due partiti alla fine hanno scelto di sostenere il medesimo candidato sulla scorta dell’intesa siglata anche a livello nazionale.

Si presentano all’appuntamento decisamente più in salute Salvini e alleati: il capoluogo Perugia e l’altra maggiore città umbra Terni sono entrambe governate dal centrodestra, tra l’altro il sindaco di Perugia Romizi è stato riconfermato a maggio con il 60% dei voti, inoltre, alle Europee la Lega ha incassato il 38% nella regione e il centrodestra nel suo complesso ha superato il 50%.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →