Influenza 2020: vaccino universale vicino, ecco come funziona

Pubblicato il 9 Gennaio 2020 alle 12:24 Autore: Daniele Sforza

Influenza 2020 è uno degli argomenti trend degli ultimi giorni, ma si parla di recente anche di vaccino universale. Come funzionerà?

Iniezione vaccino
Influenza 2020: vaccino universale vicino, ecco come funziona

Influenza 2020: la sindrome resta temuta ma forse non come l’anno scorso; preoccupa comunque la durata e l’aggressività dei sintomi, soprattutto, nei soggetti più a rischio, come bambini e anziani. Al di là dei timori che periodicamente sopraggiungono in inverno, negli ultimi tempi si parla anche di un possibile vaccino universale contro l’influenza, che stando alle ultime indiscrezioni sarebbe sempre più vicino.

Vaccino antinfluenzale, com’è cambiato l’uso negli anni – Infografiche

Influenza 2020: vaccino universale, a che punto siamo?

“Molti degli attuali vaccini non sfruttano la proteina Na”, ha affermato Gilbert Gonzalez della Georgia State University, “che sta diventando un antigene sempre più importante nella ricerca dei vaccini anti-influenzali”. Come riporta Il Mattino, che cita la rivista Advanced Healthcare Materials, tramite la combinazione delle due maggiori proteine (M2 e Na) del virus si è riuscito a ottenere uno scudo protettivo di lunga durata nei topi contro 6 ceppi virali.

Occorre sapere che mentre la proteina M2 è presente in tutti i virus influenzali, la NA si trova solo sulla superficie degli stessi e ha subito modifiche con maggior lentezza rispetto alle altre proteine dell’influenza. La chiave è rappresentata dalla mutazione del virus, ma anche dalla durata della protezione da parte del vaccino. Il primo autore dello studio scientifico che sta portando alla possibile elaborazione del vaccino universale, Ye Wang, ha affermato che combinando gli antigeni in nanoparticelle, si è avuto un risultato importante sotto l’aspetto della protezione, che ha riguardato diversi ceppi del virus influenzale. “Ogni stagione ci sono diversi tipi di virus dell’influenza che possono colpirci, ma grazie a questo nuovo approccio speriamo di poter dare maggior protezione all’uomo”.

Picco influenzale e sintomi: quando l’influenza colpisce i bambini

Vaccino universale, i prossimi obiettivi

Il prossimo obiettivo nella sperimentazione che porterà all’elaborazione definitiva del vaccino universale consisterà nel tentare un nuovo approccio di vaccinazione, formato da cerotti composti da microaghi da apporre sulla pelle. Ovviamente, con un vaccino universale sarà possibile evitare ogni anno fare la fila per sottoporsi alla consueta vaccinazione anti-influenzale, in quanto sarà possibile essere protetti da una maggiore quantità di ceppi virali.

Segui Termometro Politico su Google News

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →