Chi sono i responsabili che potrebbero tenere in vita il governo?

Pubblicato il 20 Febbraio 2020 alle 17:55 Autore: Alessandro Faggiano

Chi sono i responsabili che potrebbero salvare il governo dalla crisi. Provengono prevalentemente dall’area di centro moderata, da autonomie e ex 5S

ecco chi sono i responsabili
Chi sono i responsabili che potrebbero tenere in vita il governo?

Si sta facendo un gran parlare della crisi di governo che, puntualmente, torna a ad alimentare l’attenzione sulle faccende politiche nazionali. Dopo la scissione di Renzi operata all’interno del PD, lo stesso ex premier sembra pronto allo strappo definitivo con le forze di maggioranza. Il contrasto con il premier Conte aumenta ogni giorno che passa e i rapporti tra i due sembrano essere più tesi che mai. L’ultimo intervento di Renzi a Porta a porta mostrerebbe la sua volontà di allontanare IV da Palazzo Chigi (con una prima dimostrazione evidenziata dall’assenza di Bonetti e Bellanova all’ultimo Consiglio dei Ministri).

In mancanza dell’appoggio dei senatori di Italia Viva, l’esecutivo necessita di parlamentari che, finora, si sono collocati tra le file dell’opposizione. Ci si chiede, quindi, chi sono i responsabili (così come vengono definiti dai media) che permetterebbero all’esecutivo guidato, a questo punto, solo da M5S, PD e LeU.

Le prime indiscrezioni parlano di un importante appoggio dell’area centrista, degli ex grillini passati al misto e di un piccolo gruppo di forzisti, che non vedrebbero di buon occhio un ritorno alle urne nell’immediato (a causa, anche, della caduta di consensi del partito del cavaliere).

Chi sono i responsabili?

Secondo le indiscrezioni – tutte da confermare – dall’area dell’UDC dovrebbero accorrere, in soccorso dell’esecutivo, giallo-rosso, Antonio De Poli, Paola Binetti e Antonio Saccone. Ci sono anche dei forzisti che potrebbero fungere da ago della bilancia. Si fanno i nomi di Roberto Berardi, Franco Dal Mas, Andrea Causin e Barbara Masini. Tra i nomi più attesi, quello di  Gelsomina Vono, passata dal Movimento 5 Stelle a Italia Viva. Proprio il gruppo a cui fa riferimento Matteo Renzi è sotto la lente: l’ex premier crede che le file di IV tenderanno a ingrossarsi e ad aver sempre maggior peso all’interno del Parlamento e, più nello specifico, a palazzo Madama (dove i numeri della maggioranza sono estremamente risicati). Molto probabile che anche i gruppi delle autonomie e i pentastellati passati al misto diano una mano nel garantire la maggioranza all’attuale esecutivo. Ecco chi sono i responsabili, almeno sulla carta. Chiaramente piovono smentite ma, al momento della resa dei conti e delle prime verifiche nell’epoca di un esecutivo senza IV, bisognerà scoprirsi e farsi avanti.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Alessandro Faggiano

Caporedattore di Termometro Sportivo e Termometro Quotidiano. Analista politico e politologo. Laureato in Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Salerno e con un master in analisi politica conseguito presso l'Universidad Complutense de Madrid (UCM).
Tutti gli articoli di Alessandro Faggiano →