Ultime notizie Corona: picco in settimana, l’analisi dell’Oms

Pubblicato il 25 Marzo 2020 alle 20:00 Autore: Giuseppe Spadaro

Ultime notizie Corona: insieme all’aggiornamento quotidiano della Protezione Civile, le parole dell’assistant director general dell’Oms Ranieri Guerra.

Coronavirus
Ultime notizie Corona: picco in settimana, l’analisi dell’Oms

Ultime notizie Corona – I numeri in costante aggiornamento sui contagiati da coronavirus alimentano il dibattito quotidiano e diventano tutti i giorni lo spunto per fare previsioni, ovviamente sempre da confermare, sui tempi in cui riusciremo a superare l’emergenza sanitaria. Giorni fa il capo della Protezione Civile ha parlato di tempi per lunghi per poter registrare il picco massimo. Secondo Borrelli la settimana decisiva potrebbe essere l’ultima di marzo o la prima di aprile. Dopo di che il numero dei contagiati potrebbe iniziare a scendere. Va in ogni caso evidenziato che i contagiati non tengono conto degli asintomatici e dei casi sommersi, cioè di coloro a cui non viene effettuato il tampone.

Ultime notizie Corona, Ranieri Guerra (Oms): picco potrebbe essere raggiunto questa settimana

Nel suo ultimo intervento Ranieri Guerra, assistant director general dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, intervistato nel corso del programma Circo Massimo, in onda su Radio Capital, si è espresso sull’argomento. Per l’esponente dell’Oms: “Il rallentamento della velocità di crescita è un fattore estremamente positivo. In alcune regioni siamo vicini al punto di caduta della curva e quindi probabilmente il picco potrebbe essere raggiunto in questa settimana e poi cadere. Credo che questa settimana e i primi giorni della prossima saranno decisivi, perché sono i momenti in cui i provvedimenti di governo di 15-20 giorni fa dovrebbero trovare effetto, efficacia”. Secondo Ranieri Guerra sarà importante osservare cosa succederà nei prossimi giorni. “Quello che ci si aspetta dunque è vedere decadere la curva in maniera più rapida nel giro di questi 5-6 giorni”.

Rispetto a quello che potrebbe accadere sul fronte sanitario ha espresso incertezza. Perché non si sa sino a quando il sistema sanitario “riesce a tenere. Sono dell’opinione che il personale medico e infermieristico va tutelato al massimo”. Ed infine l’esponente dell’Oms si è detto “preoccupato per il numero dei colleghi (medici) contagiati. Dobbiamo a questa persone tutto quello che le tecnologia ci mette a disposizione”.

I numeri aggiornati della Protezione Civile

Ultime notizie Corona – Nuovo aggiornamento, ad oggi 25 marzo 2020, della Protezione Civile sulla situazione nel nostro Paese. Ecco i numeri. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul territorio nazionale, al momento 57.521 persone risultano positive al virus. Ad oggi, in Italia sono stati 74.386 i casi totali.

Nel dettaglio: i casi attualmente positivi sono 20.591 in Lombardia, 8.256 in Emilia-Romagna, 5.745 in Veneto, 5.556 in Piemonte, 2.639 nelle Marche, 2.776 in Toscana, 1.826 in Liguria, 1.675 nel Lazio, 1.072 in Campania, 1.058 nella Provincia autonoma di Trento, 1.023 in Puglia, 911 in Friuli Venezia Giulia, 748 nella Provincia autonoma di Bolzano, 936 in Sicilia, 738 in Abruzzo, 686 in Umbria, 375 in Valle d’Aosta, 412 in Sardegna, 333 in Calabria, 112 in Basilicata e 53 in Molise.

Sono 9.362 le persone guarite. I deceduti sono 7.503 (nelle ultime 24 ore 683 decessi) ma questo numero potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →