Analisi mutuo giugno 2020: tasso fisso e variabile, quale scegliere?

Pubblicato il 20 Settembre 2020 alle 05:21 Autore: Daniele Sforza

Mutuo giugno 2020 a tasso fisso o a tasso variabile? Ecco gli ultimi aggiornamenti sulle due tipologie di mutuo e quale conviene scegliere adesso.

Analisi mutuo giugno 2020
Analisi mutuo giugno 2020: tasso fisso e variabile, quale scegliere?

Facendo una rapida analisi sul mutuo giugno 2020 è ancora corretto affermare che accendere un mutuo per l’acquisto di una casa conviene, in Italia più che in altri Stati. Chi ha potuto aprire un finanziamento per l’acquisto della prima casa nel mese di maggio si sarà certamente accorto della convenienza, sia per ciò che concerne il tasso fisso, sia per quanto riguarda il tasso variabile. Non è un caso, visto che le differenze tra i due tipi di tasso si sono praticamente assottigliate. Infatti, mentre a maggio il Taeg per il mutuo a tasso fisso galleggiava tra lo 0,75% e lo 0,80%, quello per il mutuo a tasso variabile non si discostava poi di così tanto, oscillando tra lo 0,73% e lo 0,77%.

Analisi mutuo giugno 2020: perché conviene chiederlo oggi in Italia

Aprire un mutuo in Italia oggi non solo è conveniente di per sé, ma anche confrontando i prezzi dei Paesi esteri. Fatte le dovute eccezioni (Francia e Germania si avvicinano ai nostri livelli) in altri Stati è decisamente meno conveniente accendere un mutuo. In Grecia, ad esempio, ma anche nel Regno Unito o nei Paesi scandinavi. Fuori dai confini europei aprire un mutuo costa molto in Cina, dove l’indicizzazione ha raggiunto quota 4,65%, quasi il doppio del Giappone (2,60%), mentre negli Stati Uniti, nonostante i valori ai minimi storici, l’indice del tasso fisso è 6 volte maggiore quello dell’Italia. Questi i dati emersi da un’analisi comparata di Facile.it e Mutui.it citata da proiezionidiborsa.it.

Sospensione mutui 2020: cosa è e quanto è richiesta in Italia

Mutuo giugno 2020 tasso fisso e tasso variabile: le offerte del mese

Ipotizzando l’acquisto di una prima casa del valore di 250.000 euro per un finanziamento richiesto di 180.000 euro da smaltire in 25 anni, per quanto riguarda il mutuo a tasso fisso, la migliore offerta del mese secondo MutuiSupermarket è quella proposta da Intesa Sanpaolo, Domus Fisso, che azzera le spese della perizia (500 euro di istruttoria), e propone una rata mensile di 686,55 euro (TAEG 1,15%).

Relativamente al tasso variabile la proposta migliore del mese secondo il simulatore è quella di Unicredit, che nel pacchetto spese prevede 250 euro di perizia e 500 euro di istruttoria, per una rata mensile di 650,07 euro (TAEG 0,75%). Altrettanto conveniente è la Domus Variabile proposta da Intesa Sanpaolo, che abbassa la rata mensile (648,65 euro, TAEG 0,81%), ma aumenta le spese di perizia (320 euro) e di istruttoria (950 euro).

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →