Sondaggi elettorali, un confronto: i minority report degli istituti al 13 giugno 2020

Pubblicato il 15 Giugno 2020 alle 18:05
Aggiornato il: 24 Giugno 2020 alle 23:27
Autore: Gianni Balduzzi

Sondaggi elettorali, per Tecnè il M5S è ancora al livello delle europee, mentre è ormai tornato più in basso per gli altri sondaggisti

sondaggi elettorali
Sondaggi elettorali, un confronto: i minority report degli istituti al 13 giugno 2020

Diamo puntualmente conto dei sondaggi elettorali che ogni settimana i vari istituti producono. Lo facciamo confrontando le tendenze ed i numeri dei singoli studi. Così ognuno può verificare il valore dei partiti osservando come cambia la percentuale da una rilevazione all’altra.

In questa rubrica ogni settimana cerchiamo di tracciare l’andamento dei sondaggi elettorali che si distaccano dagli altri per vedere successivamente chi ci ha visto giusto e anche per cercare di comprendere quali istituti fiutano, prima degli altri, i cambiamenti di umore dell’elettorato.

Sondaggi elettorali, per Ixè il Movimento 5 Stelle torna al livello delle europee

Questa settimana tra i minority report che saltano all’occhio vi è quello costituito dai sondaggi elettorali di Ixè, in particolare per quel che riguarda la stima sul Movimento 5 Stelle, vista ancora in una fase positiva, come quella che l’ha caratterizzata nei mesi dell’emergenza coronavirus, tanto da rimanere al 17,2%, circa la stessa percentuale avuta alla europee. Per gli altri istituti il partito di Crimi e Di Maio al massimo arriva al 16%, e scende al 14,8% con Tecnè

sondaggi elettorali ixe, intenzioni voto
Fonte: Ixè

Sempre nella maggioranza anche il PD non mette d’accordo i sondaggisti, anche se le oscillazioni sono minori. Si va da dal 19,1% di Swg al 21,4% di Ixè, per un partito che sta perdendo qualche colpo nelle ultime settimane.

La Sinistra/LeU per una volta vede una divaricazione delle stime degli istituti, perché da un lato raggiunge il 4%, quasi mai toccato prima, con Swg, dall’altro scende all’1% con Noto.

Per Italia Viva invece le diversità tra i vari sondaggi elettorali sono una conferma, e l’enorme oscillazione tra l’1,9% di Ixè e il 5% del solito Emg non meraviglia più

Sondaggi elettorali, per Tecnè Forza Italia ancora all’8,4%

Tra le stime dei sondaggi elettorali sui partiti dell’opposizione di centrodestra spicca l’8,4% che Tecnè attribuisce a Forza Italia, distinguendosi dagli altri istituti che vedono il partito di Berlusconi più basso. Per esempio da Swg che come sempre è molto scettica su Forza Italia e la dà al 5,6%

Intorno alla Lega invece si restringe la divaricazione tra i sondaggisti, che è sempre stata ampia. Si va dal 25% di Ixè al 28,8% del Termometro Politico. Una varianza ampia, ma non più come un tempo.

Fratelli d’Italia continua a presentare differenze più limitate, considerando che più generosi sono i sondaggi elettorali di Tecnè, che danno un 15,5%, mentre il più scettico sul partito è Bidimedia, che lo vede al 13,5%

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Gianni Balduzzi

Editorialista di Termometro Politico, esperto e appassionato di economia, cattolico- liberale, da sempre appassionato di politica ma senza mai prenderla troppo seriamente. "Mai troppo zelo", diceva il grande Talleyrand. Su Twitter è @Iannis2003
Tutti gli articoli di Gianni Balduzzi →