Effetto Vaccini: aumentano contagi tra i giovani, atteso calo mortalità. Dati Iss

Pubblicato il 10 Maggio 2021 alle 10:09 Autore: Guglielmo Sano
Effetto Vaccini: aumentano contagi tra i giovani, atteso calo mortalità. Dati Iss

Effetto Vaccini: aumentano contagi tra i giovani, atteso calo mortalità. Dati Iss

Si cominciano a vedere i primi segnali dell’effetto vaccini stando ai dati diffusi dall’Iss. Secondo l’ultimo aggiornamento sull’andamento dell’epidemia crescono i contagi tra giovani e giovanissimi con conseguente diminuzione dell’età dei positivi. Attesa una flessione sul fronte dei decessi nelle prossime settimane.

Vaccini: aumentano i contagi tra i giovani

L’ultimo report sull’andamento dell’epidemia diffuso dall’Istituto Superiore di Sanità fotografa i primi segnali dell’effetto vaccini: “Nelle ultime due settimane si rileva un aumento della percentuale di casi nella fascia di età 0-18 anni pari al 21,6% (nelle 2 settimane precedenti era del 19,7%), stabile la proporzione di casi nella fascia di età 19-50 anni (43,4% vs 43,1%) e leggera diminuzione nella fascia d’età >50 anni (35% vs 37,2%)”.

Allo stato dei fatti, in pratica, un contagiato su 5 ha meno di 18 anni mentre la maggioranza dei positivi ne ha meno di 50. L’epidemia cambia marcia, un po’ come accaduto nello stesso periodo dell’anno scorso: stavolta però il netto cambiamento non è il risultato del lockdown ma dell’avanzamento della campagna vaccinale tra gli over 60 si sottolinea dall’Iss.

Atteso calo mortalità nelle prossime settimane

Per spiegare l’effetto vaccini con le stesse parole dell’Iss: “La diminuzione dei casi nelle fasce di età più avanzate è attribuibile all’aumento delle coperture vaccinali”. Infatti, sottolineano dall’Iss, pare evidente come questo calo si muova in parallelo alle somministrazioni: “a partire dalla seconda metà di gennaio si osserva un trend in diminuzione del numero di casi negli operatori sanitari e nei soggetti di età 60-69 anni, 70-79 anni e >80 anni verosimilmente ascrivibile alla campagna di vaccinazione in corso”.

Tra l’altro, “analizzando il tasso di ospedalizzazione e il tasso di ricovero in terapia intensiva per data di ricovero nelle stesse fasce d‘età si osserva che, sebbene il tasso sia ancora più alto nella categoria più vaccinata, la diminuzione è più pronunciata in questo gruppo nelle ultime settimane”. L’età di primo ricovero è attualmente discesa a quota 65 anni, in calo anche l’età di ingresso in terapia intensiva, ora a 67 anni. Anche l’età del decesso è ai livelli più bassi dall’inizio dell’epidemia a marzo 2020 (ora è a 77 anni): insieme agli altri, questo dato fa ritenere molto probabile nelle prossime settimane l’appiattimento del tasso di mortalità legato al Covid nelle fasce di popolazione vaccinate.

Segui Termometro Politico su Google News

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →