•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 13 gennaio, 2013

articolo scritto da:

La falsa alternativa tra tecnocrazia e populismo

S’è parlato molto, nel 2012, di tecnocrazia e populismo. L’esperienza del governo tecnico guidato da Mario Monti suscita, com’è ovvio, diverse interpretazioni. C’è chi la valuta come un’esperienza fallimentare e disastrosa, contraria all’interesse dell’Italia, imposta da gruppi di interesse sovranazionali. C’è chi la reputa un male necessario, una fase di transizione opportuna per ristabilire il prestigio dell’Italia e per superare una situazione emergenziale. C’è infine chi la considera un laboratorio politico utile per mettere a punto qualcosa che avrebbe un valore anche per il futuro e anche al di fuori dell’Italia. Di questa interpretazione si è fatto portatore lo stesso Monti quando, nella conferenza di fine anno ha detto che “gli Stati Uniti stanno cercando di fare quello che l’Italia ha fatto nel 2012”.

 

[ad]Dietro a questa visione delle cose c’è l’idea che la democrazia “pura” sia un sistema inefficiente, che non riesce a prendere le decisioni necessarie al bene del paese e dunque che la democrazia vada “neutralizzata”, “spoliticizzata”, sottraendo le scelte fondamentali alla discussione pubblica e spostando questa su questioni relativamente di dettaglio. Questa operazione diventa possibile sulla base dell’idea che vi sia un sapere oggettivo, che vi sia essenzialmente un solo modo di perseguire il bene del paese e che i “tecnici” siano coloro in grado di farlo meglio. E’ la tecnocrazia.

Lasciando stare la questione di come sia possibile selezionare questa aristocrazia che dovrebbe poi governare (il dubbio è che questo discorso mascheri semplicemente la volontà di certi gruppi di potere di affermarsi e legittimarsi) c’è un problema più fondamentale in questo discorso, ovvero la supposizione dell’esistenza di una verità condivisa, di un’unica analisi delle cose che si tratterebbe solo di applicare e far valere senza cedere al populismo.

Già, le pulsioni populiste. Se in apparenza queste rappresentano il nemico per la tecnocrazia, in realtà questa ha vitalmente bisogno di quelle. Da un lato è solo contrapponendosi ad un populismo rabbioso ed esacerbato, che la tecnocrazia può far risaltare al meglio il suo sapere compassato, la sua “affidabilità”. E tanto maggiore è il clamore della folla, tanto meno diventa possibile discutere le ricette del tecnocrate. La scelta diventa: o me o il caos. Ma c’è un’altra faccia della medaglia. La tecnocrazia non solo si contrappone al caos ma segretamente lo produce. Il “riformismo dall’alto” che il tecnocrate propugna è insensibile alla sofferenza sociale, rigetta il principio rappresentativo, il contatto con i sentimenti e i pensieri delle masse condannandolo come inaccettabile deviazione dal rigorismo delle sue politiche. E la popolazione, non trovando ascolto presso una politica tecnocratica separata da essa, esprime la sua rabbia come può.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: