articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Fact checking di Pagella Politica: Maroni sui beni confiscati alla mafia in Lombardia

Roberto Maroni ha dichiarato: “La Lombardia è la sesta Regione in Italia per numero di beni presenti [sequestrati e confiscati alla mafia], parlo degli immobili, dei terreni e delle aziende”. Pagella Politica ha effettuato il fact checking della dichiarazione di Maroni e si è espressa con un “C’eri quasi”.

[ad]La dichiarazione di Maroni è facilmente verificabile: basta consultare le statistiche pubblicate dall’Agenzia Nazionale per i Beni Sequestrati e Confiscati(Anbsc), l’ente che dal 2010 è responsabile della loro gestione e riuso. Gli ultimi dati, aggiornati al novembre 2012, riportano che il numero totale di aziende e beni immobili (come i terreni, gli alloggi e i fabbricati) confiscati definitivamente alle mafie ammonta a ben 12670. Come sono sparsi in Italia? Ecco una mappa:

Fonte: ANBSC e Agenzia del Demanio

La stragrande maggioranza – il 43% per essere esatti – di tutti i beni confiscati si trova in Sicilia, seguita da Campania (14,8%) e Calabria (14%). La Lombardia è quarta e spicca tra le Regioni del nord, ospitando ben il 9% dei beni, superando di poco la Puglia.

La Lombardia è uno centri più critici della simbiosi tra economia legale e crimine organizzato, e l’enorme quantità di beni confiscati nella Regione lo esemplifica. Maroni ha sottovalutato la situazione, ma solo di poco: “C’eri quasi”.

(Si ringrazia Stefano Gurciullo di Quattrogatti.info per questa analisi

Se vuoi leggere tutti i fact checking sulle dichiarazioni di Roberto Maroni visita il suo profilo sul sito di Pagella Politica.

ultima modifica: sabato, 16 Febbraio 2013