•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 22 febbraio, 2013

articolo scritto da:

Ingroia chiude la campagna elettorale attaccando Monti e Grillo

Antonio Ingroia

Rivoluzione civile è, insieme a Fermare il declino e Lista Civica di Monti, alla prima tornata elettorale. Il partito nasce il 17 dicembre 2012 grazie all’iniziativa del pm Antonio Ingroia, al sindaco di Napoli, Luigi De Magistris e al sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Il partito si rifà al movimento arancione che portò al trionfo il sindaco di Milano Giuliano Pisapia nel 2011. Rivoluzione Civile ha provato a stringere un’alleanza con il Partito Democratico ma la trattativa è fallita a causa di alcune divergenze d’opinione su questioni inerenti al programma economico da presentare all’elettorato. A Rivoluzione Civile hanno aderito l’Italia dei Valori e altri partiti della sinistra radicale come i Comunisti Italiani e Rifondazione Comunista.

[ad]Il candidato premier di Rivoluzione Civile Ingroia è stato uno dei protagonisti di questa campagna elettorale. Ha cercato di intavolare degli accordi elettorali prima con Bersani e il Pd e poi con il Movimento 5 Stelle di Grillo. Da entrambi però ha ricevuto un netto rifiuto. Il manifesto programmatico di Rivoluzione civile include numerose proposte di riforma. Parte del programma è incentrato sulla riforma della Giustizia e su quella del lavoro. Conflitto d’interessi, corruzione, legge sul falso in bilancio e riforma dell’Articolo 18 e delle pensioni sono alcuni dei temi più importanti toccati da Rivoluzioni Civile.  Il partito guidato da Ingroia è riuscito a raccogliere consensi soprattutto da quella parte dell’elettorato delusa dalle politiche di Sel, troppo vicine a quelle del Pd. Rivoluzione Civile però non è stata in grado però di attirare parte di quell’elettorato arancione che nel 2011 fu uno dei capisaldi che portò il centrosinistra a vincere in molti Comuni italiani.

Antonio Ingroia

Antonio Ingroia ha concluso la sua campagna elettorale attaccando Grillo e Monti. “Grillo è un’idrovora che risucchia tutto. Il suo successo è il fallimento della democrazia. Più che un programma recita un copione. La sua è un’operazione di marketing fra mondo dello spettacolo e politica”. Per questo “intercetta la stanchezza verso la politica e per farlo usa l’arma della politica spettacolo. La platea degli elettori sono spettatori che non pagano il biglietto e che votano un uomo di spettacolo, che, unico tra i suoi, non metterà piede in Parlamento”. Monti invece “Mario Monti è politicamente più pericoloso di Silvio Berlusconi perché propaganda le stesse cose, ma lo fa con più credibilità”.

Ti potrebbero interessare anche:

Leaders a confronto: Ingroia

https://www.termometropolitico.it/33932_leaders-a-confronto-ingroia.html

Ingroia propone un alto commissariato per i beni confiscabili

https://www.termometropolitico.it/33259_ingroia-propone-un-alto-commissariato-per-beni-confiscabili.html

Avete fiducia nel nuovo governo?

Votate il sondaggio

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

articolo scritto da: