•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 7 luglio, 2013

articolo scritto da:

Civati “mi candido alla segreteria del Pd”

civati parlamentare pd candidato segreteria partito

Pippo Civati, chiudendo il meeting PolitiCamp svoltosi a Reggio Emilia, conferma la sua volontà di candidarsi alla guida del Partito Democratico.

[ad]L’intenzione dell’aspirante segretario è di “vendicare” le aspettative di quanti chiedono una stagione diversa.

Civati su twitter elenca le situazioni che gridano vendetta, dai casi Prodi e Rodotà fino alla ”titubanza sugli F-35, Pompei, Taranto inquinata”, insomma ”le aspettative delle persone che si aspettavano una stagione diversa”.

”Mi candido a fare il segretario del Pd, non capisco perché qualcuno insista nel dire che non lo farò. Mi candido – scrive ancora Civati -perché c’è da ricostruire il centrosinistra: riportiamo con noi Sel, richiamiamo il popolo delle primarie. Se un dirigente del Pd va a una manifestazione della Fiom non si deve sentire in imbarazzo, mentre si governa con Berlusconi”.

E poi una stoccata alle correnti del partito, che sono ”solo correnti di seggiole”, mentre ”noi ci occuperemo di tutto il resto, della scelta degli argomenti, delle parole nuove”. ”Ambiente, formazione e lavoro al centro della nostra strategia politica: le buone pratiche devono diventare politiche nazionali”, assicura Civati.

CIVATI “BASTA PARLARE DI PICCIONI E PITONESSE”

Sempre a margine di PolitiCamp 2013 Civati ha aggiunto: “Liberiamo un’estate in cui non si parli di piccioni, anche se ci sono anche qua piccioni molto invadenti’. Noi abbiamo un grande progetto politico e lo dobbiamo costruire fin da ora. Io capisco che tra piccioni e pitonesse abbiamo poco tempo, ma l’anno prossimo ci sono le elezioni europee e io le vorrei vincere insieme agli altri, come ha ricordato qui l’altra sera Fabrizio Barca”.

CIVATI “USCIRE DA LARGHE INTESE”

Il Pd deve pensare a costruire un’alternativa alla grande coalizione. “Mi candido alla segreteria per uscire dalle larghe intese. Non possiamo stare in eterno con il Pdl”, ha detto il deputato che ora è ufficialmente sceso in campo per la leadership del Partito democratico. “Io capisco bene che non è facile staccare la spina. Questo è anche il nostro governo. Ma prima o poi dobbiamo metterci nelle condizioni di salutare la compagnia. Penso prima del 2015”. Civati su Renzi: “Matteo vuole forzare, ha un traguardo personale da raggiungere. Io invece non cerco forzature e non affronto il tema a cuor leggero. Ma sul fatto che si debba ritrovare una nostra identità non ho dubbi”.

civati politicamp

RENZI E CIVATI 

Le differenze tra Renzi e Civati? ”Lui è fiorentino e io no” ha risposto ieri il parlamentare lombardo dal Politicamp di Reggio Emilia.

”Lui – aggiunge Giuseppe Civati riferendosi al sindaco di Firenze – rispetto al Pd ha sempre avuto molto fastidio, mentre io me ne sono occupato costantemente. Poi credo che dobbiamo recuperare i delusi del Pd, mentre Renzi è un appassionato dei delusi del Pdl, invece io non ne sono convinto”.

RENZI CANDIDATO? SINDACO DI FIRENZE “ATTENDO REGOLE PER DECIDERE”

Il sindaco di Firenze Matteo Renzi: “Attenderò l’ufficializzazione delle regole per eleggere il segretario” e ”a settembre deciderò. Anzi decideremo insieme. Io e molti altri sindaci di tutta Italia”.

Così il sindaco al Corriere Fiorentino. ”Se ci sarà non sarà un’auto-candidatura. Non sarà un atto di ambizione di un ragazzino che cerca di rovesciare il mondo”.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: