•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 23 agosto, 2013

articolo scritto da:

L’importanza di finire in galera (a Monopoly)

“Questa è per Blob”. In televisione, da un quarto di secolo, è questa la frase pronunciata da chi inciampa in una gaffe e conserva un po’ di autoironia e prontezza di risposta. La Rete, invece, non ha bisogno di filmati: se da qualche parte c’è un testo, un’immagine, una frase o un gesto che merita di essere preso di mira, colpisce. Anche se si tratta, per dire, di una serissima lettera di protesta firmata da sette parlamentari italiani e indirizzata all’ambasciatore americano. Oggetto della missiva: Monopoly.

A scanso di equivoci, nessun riferimento a posizioni dominanti illegittime di qualche non meglio precisata azienda. A irritare la pattuglia di rappresentanti del popolo è proprio il caro vecchio gioco da tavolo, che affonda le sue origini negli Stati Uniti di inizio ‘900 ed è un successo planetario a partire dalla metà degli anni ’30.

In Italia, in realtà, l’abbiamo sempre chiamato Monòpoli, con la “i” e con quell’accento innaturale sulla seconda “o”: colpa del regime fascista che aveva imposto alla neonata Editrice Giochi di italianizzare il nome, ma gli italiani amarono talmente tanto quel gioco di strategia economica da imparare presto a pronunciarlo all’inglese e da tramandarne la passione attraverso varie generazioni, cresciute spostando funghetti e tube su un tavoliere e costruendo case e alberghi su Vicolo Stretto e Parco della Vittoria.

Monopoly sì è mantenuto sempre popolare, pur restando quasi sempre uguale a se stesso. E la questione di oggi sta proprio lì. Già, perché i deputati del Pd Michele Anzaldi, Marina Berlinghieri, Matteo Biffoni, Lorenza Bonaccorsi, Federico Gelli ed Ernesto Magorno, nonché un insospettabile Luigi Bobba, già serissimo presidente nazionale delle Acli, si sono scagliati contro l’ultimo cambiamento previsto dai produttori della Hasbro: un cambiamento inatteso e (assicurano loro) diseducativo.

Luigi Bobba

Luigi Bobba

Stavolta le tradizionali proprietà immobiliari sono sostituite da pacchetti azionari di grandi multinazionali. Si passa dall’acquisto di immobili alla speculazione in Borsa e inoltre, novità decisamente preoccupante, sarebbe stata abolita la casella della prigione“. Difficile immaginare l’espressione di John R. Phillips, neonominato ambasciatore Usa in Italia, nel leggere che gli si chiede conto delle modifiche di un gioco, anche se qualche partitina a Monopoly (quello originale con la “y”) l’avrà fatta pure lui.

Secondo i deputati Pd, però, motivi per indignarsi il diplomatico li avrebbe tutti: “Mentre la Casa Bianca pone l’accento contro le frodi dei titoli e gli abusi degli strumenti finanziari, il Monopoly torna ad esaltare la turbo economia che ha aperto la crisi finanziaria 2008, con il messaggio diseducativo che, in caso di violazione delle regole, non si viene puniti”. Morale: le autorità americane competenti dovrebbero fare qualcosa o, almeno, far capire che con le nuove regole, a quel gioco, non giocherebbero mai.

(Per proseguire la lettura cliccate su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: