•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 5 settembre, 2013

articolo scritto da:

Motivazioni sentenza Dell’Utri “Patto tra Cosa Nostra e Berlusconi”

domattina previsto rientro dell'utri in italia

Motivazioni sentenza Dell’Utri “Patto tra Cosa Nostra e Berlusconi”

Marcello Dell’Utri è stato l’intermediario di un patto tra Cosa Nostra e Silvio Berlusconi tra il 1974  e il 1992. Il suo ruolo? “Mantenere sempre vivi i rapporti con i mafiosi di riferimento”. Con queste parole i giudici della terza sezione penale della Corte di appello di Palermo hanno motivato la sentenza con cui l’ex senatore del Pdl è stato condannato il 25 marzo scorso a sette anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa

Dell’Utri, si legge nelle 477 pagine della motivazione, “partecipò a un incontro organizzato da lui stesso e (dal mafioso palermitano Gaetano) Cina’ a Milano, presso il suo ufficio”. Incontro al quale era presente pure Silvio Berlusconi e che era stato preceduto dall’assunzione di “Vittorio Mangano presso Villa Casati ad Arcore”. Il patto tra Cosa Nostra e Silvio Berlusconi prevedeva “la garanzia della protezione personale dell’imprenditore mediante l’esborso di somme di denaro che quest’ultimo ha versato a Cosa nostra tramite Marcello Dell’Utri”. Un sodalizio, spiegano le carte, che “legherà Berlusconi, Dell’Utri e Cosa nostra fino al 1992”.

Gradimento verso il Governo

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

il gattopardo 2018

il gattopardo 2018

articolo scritto da: