•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 28 ottobre, 2013

articolo scritto da:

I SONDAGGI SATIRICI DI LERCIO – La questione mafia

I sondaggi di Lercio: la mafia.

Un istituto di indagini demoscopiche che telefona a casa di notte ansimando ha posto agli italiani alcune domande sulla mafia.

L’indagine è stata condotta su un campione di 300 persone successivamente sciolte nell’acido. Ecco i dati:

Quesito n. 1
Cosa potrebbe fare lo Stato per combattere efficacemente la mafia?
1. Infiltrare il Pd nelle cosche (49%)
2. Legalizzarla (30%)
3. Istituire l’Albo degli stallieri (17%)
4. Niente: la mafia non esiste (4%)

sondaggiomafia1

 

Quesito n. 2
La lotta alla mafia non può essere demandata solo alle forze dell’ordine ed alla magistratura. Cosa dovrebbero fare i cittadini?
1. Demandare alle forze dell’ordine ed alla magistratura (58%)
2. Smettere di votarla alle elezioni (21%)
3. Suonare il campanello nella villa di un boss e poi scappare (13%)
4. Usare lenzuola più bianche alle manifestazioni (5%)
5. Niente: la mafia non esiste (3%)sondaggiomafia2

 

Quesito n.3
Chi avrebbe voluto il PdL alla guida della Commissione Antimafia?

1. Una testa di cavallo (67%)
2. Un amico di amici (21%)
3. Un qualunque stalliere (10%)
4. Miccoli (2%)

sondaggiomafia3

Quesito n.4
Secondo voi esiste ancora l’omertà?
1. Non risponde (100%)sondaggiomafia4

 

Dai dati raccolti non emerge assolutamente niente, quasi come se sugli intervistatori inviati fosse stato colato del cemento e poi il tutto fosse stato buttato a mare. Ma è solo una metafora fantasiosa, perché in realtà noi non abbiamo visto niente, sentito niente e niente sappiamo.

In collaborazione con LERCIO.IT

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: