•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 11 novembre, 2011

articolo scritto da:

Inizia la 3° repubblica italiana?

3° repubblica

Ci siamo. Dopo 18 anni l’Italia non potrà più fregiarsi di avere Silvio Berlusconi come Presidente del Consiglio.
La giornata di martedì 8 novembre non ha delineato cosa accadrà, ma sicuramente ha chiarito cosa NON accadrà: a meno di imprevedibili risvolti pre-elettorali, Silvio Berlusconi non sarà più premier.
Un fuoriuscita mesta, ma decisamente meno traumatica di predecessori rispondenti al nome di Bettino Craxi (cui Berlusconi era molto legato) o Romano Prodi, così come magistralmente descritto da Aldo Cazzullo sul Corriere della Sera di martedì scorso.
Gli scenari che si stagliano all’orizzonte ora sono numerosi e variegati. Vediamone alcuni.

[ad]- Governo di transizione a maggioranza centrodestra + pochi altri rientranti. Premier: Gianni Letta, Lamberto Dini, Angelino Alfano, Roberto Maroni. Probabilità 15% Lo scenario ipotizzato dalla Lega e, forse, dallo stesso Berlusconi per permettere una fuoriuscita il più possibile morbida. Prospettive elettorali: riforma elettorale con ritorno al Mattarellum (o qualcosa di simile) ed elettorato del Pdl che si sposta verso Lega (nord) o Udc (sud), in attesa della nascita del nuovo partito popolare cattolico sul modello Ppe. Probabilissima instabilità post-elettorale con difficoltà di formare maggioranze.

– Governo tecnico di transizione con maggioranza ampia PDL+Centro+PD con Lega e IDV fuori. Premier: Mario Monti. Probabilità 35% Uno scenario sulla carta molto favorevole al Terzo Polo e in particolare all’UDC. Possibile inserimento progressivo nella campagna elettorale di un “berluschino”, che risponderebbe al nome di Luca Cordero di Montezemolo o Diego Della Valle; accelerazione verso nascita partito cattolico popolare. Difficile arrivare ad una legge elettorale condivisa, dato che all’Udc va benissimo il proporzionale. Possibile accordo post-elettorale tra Terzo Polo e Pd per la nascita di un governo. A destra svetterebbe solitaria la Lega, che raccoglierebbe i voti degli scontenti “duri e puri” del Pdl al Nord. IdV in difficoltà, progressivo spostamento dell’elettorato valorista verso SeL (IdV di lotta) e verso il PD (IdV) di governo. Nuova sinistra radicale “impersonata” dai Grillini non tanto nei contenuti, spesso dissonanti, quanto nella forma di protesta all’interno dell’arco istituzionionale.

3° repubblica

– Governo tecnico di transizione a maggioranza moderata (Pd + Udc + Fli + fuoriusciti Pdl). Premier: Mario Monti. Probabilità 25% Scenario favorevole all’elettorato moderato del Pd. Possibile accordo pre-elettorale Pd-Udc, con difficoltà di legiferare su eventuale nuova legge elettorale. Possibili accordi su ‘nomi nuovi’ moderati del Pd da presentare nella squadra di governo. Alle elezioni, a destra la Lega raccoglie in pieno l’eredità del Pdl al centro-nord e vola oltre il 15%. Idv e Sel immobili.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: