06/02/2014

Camera, Boldrini “Ghigliottina misura eccezionale”

autore: Giuseppe Spadaro
laura boldrini

Camera, Boldrini “Ghigliottina misura eccezionale”

Dopo le tante polemiche torna a parlare il Presidente della Camera. La scelta della ‘ghigliottina’ sul decreto legge Imu-Bankitalia è stata e rimarrà “una misura del tutto eccezionale”. Laura Boldrini, presidente della Camera, in una lettera a Repubblica argomento: “Per questo ho scritto al Presidente del Consiglio invitandolo a valutare il ricorso ai decreti-legge con particolare rigore, perché il lavoro parlamentare non può consistere quasi totalmente nel loro esame, come invece da anni accade”. Appare tranquilla, da par suo, Laura Boldrini che spiega di aver “deciso di ricorrere a questo strumento estremo – che peraltro al Senato viene usato senza scandalo – solo dopo aver garantito che tutte le fasi di esame fossero completate. Il testo era stato già votato dal Senato e su di esso il Governo aveva ricevuto la fiducia della Camera.

Boldrini “Nessun dibattito decapitato” – Sempre sul decreto Imu-Bankitalia la Boldrini ricorda come “prima della messa in votazione, si erano già svolti la discussione generale, il dibattito sulla fiducia, l’illustrazione e poi il voto su 123 ordini del giorno. Successivamente sono intervenuti per dichiarazione di voto finale deputati di tutti i gruppi. Senza contare la discussione in Commissione, l’Aula ha dedicato a questo decreto circa 27 ore. Non mi sembra proprio che si possa parlare di un dibattito decapitato! A 4 ore dalla scadenza, restavano iscritti a parlare 164 deputati con l’obiettivo esplicito di impedire che l’aula votasse entro i 60 giorni previsti dalla Costituzione”.

Camera, Boldrini "Ghigliottina misura eccezionale"

Boldrini tra diritti minoranza e prerogative maggioranza – La presidente della Camera conclude: “la minoranza deve poter far valere tutti i suoi diritti – ed io li ho garantiti – ma non fino ad impedire a una maggioranza di esercitare le sue prerogative”.

Giuseppe Spadaro

 

Autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →