•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 25 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Le mani in tasca: un’analisi linguistica del discorso di Renzi al Senato

analisi linguistica discorso renzi al senato per la fiducia

Matteo Renzi è così: o lo si ama o lo si odia. Sembra però che dopo il discorso pronunciato ieri in Senato l’ago della bilancia per molti commentatori sia scivolato verso la seconda ipotesi. Stando a una mia personalissima e assolutamente non scientifica ricognizione, pare che a scandalizzare maggiormente editorialisti e opinionisti del web siano state queste mani che spesso cercavano la tasca.

analisi linguistica discorso renzi

Pur tributando il valore che merita alla comunicazione non verbale, soprattutto in circostanze come questa, forse è il caso di andare a vedere anche cosa effettivamente il Presidente del Consiglio abbia detto, a prescindere da dove tenesse le mani e perché.

Quali parole ha usato Renzi e quali invece ha omesso? A chi si è rivolto e per veicolare quale messaggio?

Come di consueto, abbiamo forzato il lucchetto della scatola della comunicazione renziana, passando il discorso, trascritto per Termometro Politico da Gabriele Maestri, sotto la lente dei software sviluppati dall’ItaliaNLP Lab dell’Istituto di Linguistica Computazionale “Antonio Zampolli”. Ed ecco cosa c’era dentro.

Dal punto di vista della leggibilità il discorso riserva la prima, grande sorpresa: totalizza appena 49,3 punti sull’indice Gulpease, risultando comprensibile facilmente soltanto da chi abbia conseguito la licenza liceale. Renzi ci aveva abituato a ben altri punteggi, superando sistematicamente i 60 punti nelle sue apparizioni pubbliche.

Renzi - Analisi linguistica.

Renzi – Analisi linguistica.

Cosa è successo, dunque? Si potrebbe pensare che abbia semplicemente adeguato il linguaggio al contesto dell’aula del Senato, operando una scelta terminologica più esclusiva, ma i dati smentiscono questa ipotesi: la percentuale di termini appartenenti al Vocabolario di Base resta superiore al 70%, in linea con i discorsi del Renzi sindaco. E allora cosa? Banalmente, la scelta di parlare a braccio ha complicato la sintassi del Presidente, che si è spesso – molto più spesso del solito – avviluppato su frasi troppo lunghe e intricate., soprattutto su quei terreni sui quali non si sentiva perfettamente a suo agio.
La proiezione della leggibilità sul testo può chiarire maggiormente questi aspetti.

Ironia della sorte vuole (e noi sappiamo che con la scienza ha molto a che fare l’ironia ma pochissimo la sorte) che la frase più lunga e ingarbugliata dell’intero discorso sia la numero 18, quella in cui Renzi spiega quanto sia orgoglioso di essere democratico e perché.

L’altra frase ai limiti dell’incomprensibilità è la numero 259, una lunga preterizione sul piano del lavoro che il Governo dovrebbe presentare a marzo, “una sorta di piano industriale per i singoli settori”, del quale evidentemente poco o niente è stato definito.

Renzi - Proiezione leggibilità

Renzi – Proiezione leggibilità.

Le frasi più chiare, dirette e incisive, come sempre parlando di Renzi, sono invece gli slogan: “La crisi ha il volto di donne e di uomini, e non di slides”; “Sostenere che l’identità è il contrario dell’integrazione significa prendere a botte il niente”; “il futuro dell’Italia sta nelle qualità, nel genio, nell’intelligenza e nella curiosità di ciascuno di noi”.

L’estrazione terminologica racconta però una storia diversa da quella dipinta dalle frasi forti: le catene di significanti maggiormente rilevanti per l’algoritmo di analisi sono “semestre europeo”, “edilizia scolastica” e “far fronte alla crisi economica”. In particolare il semestre europeo compare per ben nove volte in posizioni sintatticamente rilevanti, offrendo l’orizzonte ultimo del ragionamento renziano: si parla di 2018, ma non c’è un programma a lungo termine. Il Presidente del Consiglio punta a realizzare entro dicembre il suo piano, e poi valutare se tornare al voto o procedere con la legislatura.
Gli altri due sintagmi testimoniano invece l’ampio – amplissimo – spazio riservato da Renzi al tema della scuola e di tutto ciò che le ruota intorno (anche l’espressione “far fronte alla crisi economica” è usata esclusivamente in relazione all’importanza della scuola). In termini di frasi e anche di minutaggio, la preponderanza  del tema incuriosisce. E’ possibile che, parlando a braccio, il segretario del PD si sia involontariamente rifugiato più spesso in un argomento che conosce bene sia per i suoi trascorsi da sindaco che per il fatto di aver sposato, come tutti sanno, un’insegnante.

Renzi - Estrazione terminologica contrastata.

Renzi – Estrazione terminologica contrastata.

Un’ultima notazione: salta agli occhi come Renzi abbia cercato dal primo momento di trasformare il monologo in un dialogo, attaccando prima i senatori in generale (che non hanno sostanzialmente reagito alla provocazione) e poi i cinquestelle in particolare (qui il gioco gli è stato più facile). In questo modo ha potuto mettere in campo anche tutte quelle astuzie da talk show televisivo (“noi abbiamo vinto sempre, voi avete sempre perso”; “mentre voi vi divertivate, fuori c’era il dolore”; “ho parlato ieri con un disoccupato che ha dei figli”) con le quali si sente a suo agio e che sarebbero state  assolutamente fuori luogo in un discorso programmatico istituzionale, con le mani fuori dalle tasche.

Giovanni Laccetti


Le analisi linguistiche all’interno di questo articolo sono state realizzate con software sviluppati da ItaliaNLP Lab – www.italianlp.it, Istituto di Linguistica Computazionale “A. Zampolli” (ILC) – www.ilc.cnr.it, Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), area di Pisa.




Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

46 Commenti

  1. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Ma porco bio. Avete meno da fare persino di renzie…

  2. Guido Zaccaro ha scritto:

    Le mani in tasca?..benissimo nelle sue tasche…male in quelle degli italiani…

  3. Giovanni Delle Nuvole Laccetti ha scritto:

    Capisco che le possa sembrare poco utile – evidentemente ha un’idea precisa e circostanziata di come dovrebbe essere una comunità scientifica e di quali discipline dovrebbe includere – ma le assicuro che c’è gente che ha studiato per fare analisi del genere e che con queste analisi lavora. Sono sicuro che vorrà concedere a queste persone (e dunque anche all’autore di questo articolo, che le sta pazientemente rispondendo) il beneficio di svolgere il proprio lavoro su un giornale che non percepisce alcun finanziamento pubblico e che offre, almeno in questo caso ma certamente anche quando scrivono i miei colleghi, solo analisi rigorose dal punto di vista metodologico. Non capisco veramente quale sia il suo problema in proposito.

  4. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Ad esempio che sarebbe stato bello spendere quelle ore per un’analisi approfondita sui 7.5 miliardi lordi (circa 4 netti) regalati alle banche (per poi ricevere 130% di acconto irpef che sarà restituito con un tasso da strozzinaggio).
    Penso sarebbe stata cosa più utile a livello informativo all’elettorato, allo scopo di aiutare a scegliere chi votare alle prossime elezioni.
    O al fatto che nelle ultime 2 settimane Renzi abbia dichiarato una serie quasi infinita di falsità, generalmente smentita sempre dopo 24 ore.
    In sintesi un po’ meno forma, e un po’ più sostanza.
    Ad esempio, ha dichiarato di volere pagare totalmente i debiti della PA.
    Verificherò se fra 6 mesi, quando nemmeno un euro del suddetto debito sarà stato versato ai creditori (a quali nel frattempo equitalia pignora la casa), farete un articolo per sottolineare questa cosa, o parlerete del suo nuovo taglio di capelli.

  5. Giovanni Delle Nuvole Laccetti ha scritto:

    Capisco, lei ha frainteso il contenuto dell’articolo nonché le competenze tecniche di chi scrive. Si tratta di un’analisi linguistica quantitativa, non politica, eseguita con gli strumenti del Natural Language Processing. Se è in cerca di analisi del genere che ha descritto ne può trovare a bizzeffe sia su questo giornale che su altri. Non credo che la compresenza di lavori d’altro genere le renda meno numerose o meno interessanti. Buona giornata.

  6. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Mai visto traccia di cio’ che lei ha citato.
    Così come quanto postate i sondaggi, mai parlate del fatto che arrivano da un campione si e no di un migliaio di persone (senza menzionare i criteri con cui selezionate questo campione).
    Il risultato è che la cosa più autorevole che postate siano i sondaggi di lercio.it
    Sarò felice comunque di essere smentito da lei, mentre mi indicherà una analisi di questo sito sul famoso regalo alle banche.
    Ricambio l’augurio di una felice giornata.

  7. Umberto Banchieri ha scritto:

    Bellissimo articolo! Mi son sempre piaciute le analisi linguistiche, in particolari così tecniche. Narra molto di più una analisi come questa che tanto altro. Spero di vederne sempre di più sul genere!

  8. Umberto Banchieri ha scritto:

    @Alessandro detto francamente le tue critiche son fuori luogo. Se hai qualcosa da dire sull’articolo bene, se no francamente è solo critica inutile. è come dire: “Ma a me il colore blu non piace, voglio che i negozi tengano solo vestiti di colore verde”.
    L’articolo è veramente interessante e ben fatto e se ti sforzassi di leggerlo troveresti tanti di quegli spunti per crearci analisi politiche vere e proprie che metà bastano…

  9. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Peccato, che in un’analisi linguistica su Renzi, non venga mai accennato al fatto, che molte delle cose che dice sono Menzogne. E a me che sembrava un dettaglio importante…

  10. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Oltretutto i pregiudizi sulla stampa italiana, politica e non, ve li siete creati voi in 20 anni di disinformazione sistematica. Ora sta a voi “professionisti” ricrearvi una credibilità che invece vorreste a priori. Passando anche dall’accettare critiche aspre.
    Inoltre per spostare consenso è sopratutto parlare solo di certe cose, e mai di altre. Puntando poi a sottolineare che lo si è fatto in maniera formalmente impeccabile. E voi sembrate maestri in questo.
    Oltretutto avete scritto 50 messaggi, ma non avete linkato i vostri famosi articoli sui regali alle banche…

  11. Umberto Banchieri ha scritto:

    Peccato che una analisi linguistica non valuta il merito di ciò che viene dett, ma valuta come le cose vengono dette e al massimo (ma qua andiamo in una branca pure un poco diversa dell’analisi linguistica del tipo applicata nell’articolo) perchè o con quali scopi comunicativi… sempre a dimostrazione che stai criticando una cosa che neanche capisci e neanche ti sforzi di capire….

  12. Umberto Banchieri ha scritto:

    PS: comunque 50 messaggi li vedi solo te… e tra l’altro dubito che un sito solitamente serio come TP abbia dato spazio (se non per smontarla) ad una bufala non poi tanto distante da quella del Signoraggio o delle Scie Chimiche…

  13. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    He lo, so è dura ammettere che avete sprecato anni della vostra vita a studiare cose inutili per la società, in affollatissime facoltà di fuffologia, mentre la facoltà di ingegneria sembrava il deserto del sahara.
    Io mi accontento di capire la matematica 🙂 .
    Mi spiace sinceramente per voi.

  14. Umberto Banchieri ha scritto:

    Cose inutili? Guarda che le analisi linguistiche sono fondamentali alla base di ogni analisi politica che vuole essere seria e rigorosa e non chiacchere da bar. Per non parlare dell’analisi delle tecniche linguistiche applicate al miglioramento dell’immagine e della trasmissione dei messaggi politici e non. Sai quanto spendono i partiti (M5S compreso) per lavorare sulle tecniche linguistiche? Sai cosa sono gli spin doctor? Sai che esistono società, come la Casaleggio e Associati, che si occupano esclusivamente di comunicazione e applicano tutte le tecniche del linguaggio?
    Ora ritorna pure dal tuo amico Gianroberto e ripeti quello che hai scritto. Vedrai quanto ti riderà in faccia 🙂
    E PS: e guarda che esiste anche una ‘ingegneria linguistica’…. su su informati, che ti si apre un mondo!

  15. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Infatti la Casaleggio associati è un azienda che fattura poco più di un ristorante decente o di un salumiere, con util (lordi)i intorno agli 80.000 euro annui. Lavorare è un’altra cosa.

  16. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    In ogni caso resto fermo alla mia idea che l’italia è piena di umanisti, avvocati e quant’altro, e gli atenei latitano di ingegneri, puntualmente richiesti o stra-richiesti dal mercato.
    Studiatevi un po’ di matematica e un po’ di fisica, che magari a voi si apre un mondo (scoprirete che ad esempio è l’eletticità che fa funzionare i vostri computer, e non la magia.)

  17. Umberto Banchieri ha scritto:

    Guarda che stai parlando con una persona che ha una formazione tecnica, quindi abbassa pure la cresta… in secondo luogo Casaleggio fattura e fa girare un po’ più dei soldini che tu affermi, ma questo è un altro discorso…

  18. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Primo, i bilanci delle aziende sono pubblici. Quanto fatturi è un dato di fatto, a meno che tu non stia accusando quella azienda di fare pesante elusione o evasione fiscale.
    Secondo, facoltà di scienze politiche è tecnica di cosa?

  19. Umberto Banchieri ha scritto:

    Poi toglimi una curiosità: tu quanti milioni di euro all’anno guadagni per sputare su 80.000 euro (mettiamo caso che siano effettivamente questi)?
    Anzi, diciamo pure che quanto guadagni è ininfluente (se non per sottolineare l’eventuale incoerenza a livello personale come sospetto).
    No, sai… giusto perchè la tua mancanza di rispetto verso il lavoro altrui da sui nervi… visto che ci son fior fiore di ingegneri che di euro ne portano a casa 20.000 e 30.000 pur ricoprendo posizioni di responsabilità e lavorando all’estero…. o forse tu ti credi Clarence Johnson in persona?

  20. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    80.000 euro di utile, diviso vari soci, lordi, significa si e no 1.500 euro al mese, per 12 mensilità. Un po’ poco per chi viene paragonato al nuovo berlusconi che usa il proprio patrimonio personale e la propria ricchezza per fare politica.
    Io ad esempio guadagno di più. Così come milioni di persone in italia (si ci sono sicuramente milioni di persone che guadagnano pià di 1.500 euro netti al mese) e non mi ero mai accordo di essere un ricco burattinaio degli equilibri geopolitici italiani. Buon per me!

  21. Umberto Banchieri ha scritto:

    Facoltà di scienze politiche come diletto. In realtà son un tecnico aeronautico… ed una certa citazione che ho fatto avrebbe dovuto farti drizzare le orecchie visto che sei tanto saputello ed ingegnere… ma evidentemente avrai anche studiato, ma ti manca l’acutezza per capire le cose…
    Non di meno vedo che hai già abbassato la cresta… e no, guarda che la maggior parte 1500 euro (e no, son di più, anche perchè i soci non sono decine e decine anche facendo conto che 80000 sia reale come dato…) se li sogna… torna nel mondo reale caro Alessandro… forse ti sei messo un poco sul piedistallo. Sei tanto inutile quanto lo sono io o Casaleggio e così le professioni che facciamo… nessuno è indispensabile… neanche te….

  22. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Quindi tu stai pubblicamente affermando, che i bilanci della casaleggio associati sono falsi?

  23. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Basta che siano 2 i soci, e sono 40.000 euro lordi all’anno, che fanno circa 22.000 euro netti. Sti cazzi. Rockfeller sta tremando.

  24. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    E ultimo, hai fatto l’itis. Ok, puoi andare a cambiare le lampadine sugli aerei della lego.

  25. Umberto Banchieri ha scritto:

    Tu invece sei clarence in persona… saluti. Non hai neanche la vaga idea di come funziona il mondo aeronautico, vai in Alenia a dire una cosa del genere… vedrai come ti ridono in faccia….
    PS: i tuoi dati sono falsi, la Casaleggio fattura stabilmente oltre il milione di euro. Dati che puoi trovare tranquillamente girando sul web.
    Dati che non tengono conto inoltre delle consulenze che Casaleggio come persona fisica esprime….

  26. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    E ok comunque non ho parlato di maggior parte. Ho detto che ci sono milioni di persone che prendono più di 1500 netti al mese. Altra cosa oggettiva.

  27. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Allora:
    -Fatturato cosa significa? Conta l’utile.
    -Secondo, Non puoi fare una consulenza come persona fisica, ma devi almeno avere una partita iva. Potrebbe avere dunque altre società, cosa facilmente verificabile, i cui bilanci sarebbero sempre pubblici.
    Oppure se ne va in giro a fatturare in nero. Accusa di cui ovviamente ti prendi tu le responsabilità e da cui io mi dissocio.

  28. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Nel link che hai messo, l’ultimo utile dichiarato è di 86.000 euro.

  29. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Scusa, avevo messo 80.000, con quei 6.000 euro credo si comprerà le quote di maggioranza di intesa san paolo.

  30. Umberto Banchieri ha scritto:

    Sei te che ha tirato fuori il fatturato… hai problemi di memoria? E comunque conta l’attivo se proprio vogliamo fare i precisini… impara a leggere i bilanci….
    E chi ha parlato di consulenze come persone fisica? Parlavo di consulenze come persona giuridica staccata dalla Casaleggio Associati ovviamente… ma dimmi, tu l’hai mai letto un bilancio o per te la sacra matematica serve solo per far calcoli trigonometrici o di resistenza strutturale? Non vorrei darti brutte delusioni, ma serve anche a tanto altro….

  31. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Chi ha parlato di persona fisica?
    “Dati che non tengono conto inoltre delle consulenze che Casaleggio come persona fisica esprime.”
    Utile lordo di 80.000 euro
    “E comunque conta l’attivo se proprio vogliamo fare i precisini… impara a leggere i bilanci….”

  32. Umberto Banchieri ha scritto:

    Già già. Mezzo milione solo come attivo e un milione e mezzo in media di fatturato son niente… ragazzo… dimmi per quale multinazionale gigantesca lavori… almeno me ne terrò lontano visto che geni assumono…

  33. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Conta l’utile punto. e dire che hai studiato scienze politica.

  34. Umberto Banchieri ha scritto:

    Attivo e Utile son due cose differenti… appunto un par de balle… comunque non hai ancora risposto per quale gigantesca azienda lavori… anzi dati i tuoi commenti sprezzanti direi che la possiedi l’azienda… dimmelo così mi terrò ben alla larga… se i prodotti son la diretta rappresentazione dei ‘geni’ che ci stanno dietro…

  35. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    basta cercare su linkedin 🙂

  36. Umberto Banchieri ha scritto:

    Quindi sei un lavoratore dipendente e fai ancora il presentuoso sul fatturato altrui? Allora pensa che io lavoro per una organizzazione che ha un bilancio negli ordini delle centinaia di miliardi di euro all’anno…. ma di certo questo non rende più in gamba o più furbi

  37. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Tu che lavoro fai?

  38. Umberto Banchieri ha scritto:

    Non ha importanza, perchè al contrario tuo non lo uso per fare lo sbruffone col prossimo o come metro per svilire il lavoro altrui. Così come non uso il titolo di studio o i bilanci dell’azienda o organizzazione per la quale lavoro. In quanto far questo è solo segno di profonda povertà intellettuale e di argomentazione….

  39. MaurizioZorza ha scritto:

    ancora con sta barzelletta dei 7 miliardi regalati alle banche? Ma allora ve le bevete proprio tutte le stronzate

  40. Paola Bruno ha scritto:

    a scandalizzare è stato il vuoto durato un’ora e mezza

  41. Ooreste Andrea Guadagnuolo ha scritto:

    Quella è stata la parte migliore! 😀 😀 😀

  42. Giovanni Delle Nuvole Laccetti ha scritto:

    La ringrazio, fa sempre piacere vedere apprezzato il proprio lavoro. Le suggerisco per altro di lasciar perdere il signore con il quale sta discutendo: non sembra che il suo interesse primario sia il confronto costruttivo. Buona giornata.

  43. Angelina Di Gregorio ha scritto:

    Renzi ha parlato ai Senatori, come ha parlato al Paese! Dov’è lo scandalo? Troppo abituati alle formalità, hanno fatto morire il Paese!

  44. John Lollo-fixer Belu ha scritto:

    ….per berlusca si parlava di richiesta di aiuto massonico….

  45. Pingback: Contraddizione apparente - Pagina 6

Lascia un commento