•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 26 marzo, 2014

articolo scritto da:

Riforma Stato: Renzi potrà rimuovere i Ministri

incontro napolitano renzi per discutere consiglio euroopeo

‘Cambiare verso’, citava lo slogan con cui Matteo Renzi si candidava alle primarie per la leadership Pd. Ora che l’ex sindaco di Firenze è inquilino di Palazzo Chigi quello slogan potrebbe essere rivisto con ‘cambiare tutto’. Ed infatti Renzi lunedì presenterà un progetto di riforma dei poteri eclatante: revisione del bicameralismo perfetto, riforma del Titolo V, abolizione delle Province, esame preferenziale ed accelerato dei disegni di legge del premier e, soprattutto, revoca diretta da parte del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Di fatto, però, la vicenda non era partita con tutti i favori del pronostico: infatti ieri, nella Commissione Affari Costituzionali al Senato, il parere del Governo era stato battuto per ben due volte circa il progetto di revisione delle Province. L’emendamento che restituiva le competenze di edilizia scolastica agli enti che Renzi si è proposto di superare (le province, appunto) veniva approvato nonostante il ‘no’ della maggioranza, mentre il secondo emendamento a nome del relatore, Russo, che fissava un tetto all’indennità dei presidenti delle Province, veniva anch’esso bocciato clamorosamente.

berlusconi bersaniani contro Renzi

La questione dei due stop sembra, comunque, essere stata incassata bene da parte del Governo che ha ripreso a macinare al fine di preparare il campo adatto a Renzi per il prossimo lunedì. Con l’introduzione del potere di revoca dei Ministri, però, la battaglia parlamentare si farà più dura perché, se da un lato l’iniziativa ha trovato l’assenso da parte dei berlusconiani (dai quali, in verità, è partito il tutto attraverso un progetto sottoposto al parere del Ministro delle Riforme Boschi e che ha trovato da subito favorevole il diretto interessato, Renzi), dall’altro rischia di scatenare un vero e proprio Vietnam da parte di coloro che desiderano mantenere il Presidente del Consiglio dei Ministri come un ‘primus inter pares’ piuttosto che apporgli un ruolo sovraordinato rispetto i titolari dei vari Dicasteri.

Daniele Errera


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

12 comments
Marco Corvi
Marco Corvi

OH TUTTO QUELLO CHE VUOLE FARE SILVIO LUI LO ESEGUE, COSÌ QUANDI SI VOTERÀ PER BERLUSCONI SARA' PIU FACILE FINIRE QUESTO PAESE!

Beppe Roca
Beppe Roca

Questo è un capriccio di papi...altro che renzi.

Marcello Novelli
Marcello Novelli

Cosa vuol dire vuole introdurre, esiste un disegno di legge o qualcosa di simile?

Vittorio Cobianchi
Vittorio Cobianchi

Certo, se i sottosegretari non vanno in commissione affossando decreti del Governo per "motivi politici", verrebbe voglia, eh.

Fernando Giannoni
Fernando Giannoni

Qua non si tratta di accordi, ma di buon senso. Secondo voi se un ministro si comportasse male, andasse contro l'azione di governo, non sarebbe giusto poterlo rimuovere? E' meglio oggi che bisogna o far cadere tutto il governo e implorarlo di dare le dimissioni?

Luigi Rediv
Luigi Rediv

Stiamo attenti nel dare troppo potere a certi arrivisti.

Claudio Turola
Claudio Turola

Propaganda elettorale questa legge non taglia niente anzi aumenteranno le spese. Tempo al tempo e capirete

Filodoro Cupaioli Morandi
Filodoro Cupaioli Morandi

Basta fare accordi con Berlusconi, Presidente del Consiglio ha una sua maggioranza di governo o si accordi con loro prima di parlare con F.I. (Berlusconi), questi poi non farà altro che ricattare,come sulla legge elettorale che non si può cambiare nulla perchè l'ex cavalieri non vuole. (Enrica)

Mauro Agus
Mauro Agus

non "Renzi", ma il primo ministro.