•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 15 luglio, 2014

articolo scritto da:

Berlusconi, Renzi e Grillo. I tre leader a Roma per serrare le file in vista dell’ultimo giro

grillo renzi berlusconi, sondaggi elettorali 17 gennaio

Berlusconi, Renzi e Grillo. I tre leader hanno fissato per oggi gli incontri con le rispettive truppe parlamentari. Tutti e tre hanno come unico obiettivo portare a casa le agognate riforme costituzionali che il Paese attende da anni. E tutti e tre devono serrare le fila in vista del traguardo. Beppe Grillo ha tentato di rientrare in gioco dopo mesi passati sulle barricate di un’opposizione dura e pura. “Apriamo” è stato l’ordine impartito ai suoi capeggiati dal fido Luigi Di Maio. E i suoi hanno aperto, forse anche troppo. In molti hanno infatti espresso il loro disappunto per il protagonismo del vicepresidente della Camera. Per questo Grillo è sceso a Roma. Calmare gli animi, rassicurare i dubbiosi. “Io non vengo a dettare la linea politica – ha detto Grillo ai giornalisti che lo attendevano fuori Palazzo Madama – Io vengo qui a trovare degli amici, a rassicurarli perché sono depressi. Nessuno li prende in considerazione, vengono bocciate tutti le loro proposte, in Aula e nelle Commissioni, solo perché arrivano da loro”.

Berlusconi ha invece mille problemi. I processi che lo coinvolgono (Ruby, caso escort a Bari) sono in cima ai suoi pensieri. Poi viene l’Italicum e la riforma del Senato. Infine le beghe di partito con Raffaele Fitto pronto a battagliare per conquistare un posto al sole. L’impianto del Patto del Nazareno però non si può e non si deve toccare. L’ex premier lo ha ribadito ai suoi riuniti nella sede di piazza San Lorenzo in Lucina: “Sono vent’anni che mi date la vostra fiducia e vi chiedo di darmela ancora una volta. Manteniamo fermo il patto anche se non sono le nostre riforme ideali, ma sono quelle possibili visto che siamo all’opposizione”.

Il premier è infatti in una posizione di forza. I numeri lo confermano. E Vannino Chiti, capofila dei frondisti dem al Senato, ha capito che tira aria di sconfitta. Meglio evitare ulteriori scivoloni. Per questo stamattina i dissidenti non hanno partecipato all’assemblea dei senatori del Pd che ha approvato con 86 sì e un astenuto il testo delle riforme licenziato dalla Commissione affari costituzionali. Il rischio di un’ennesima débacle avrebbe indebolito il fronte ribelle. Erica D’Adda, senatrice frondista, ha spiegato che a suo giudizio sarebbe stato più opportuno evitare un voto: “È stato detto che il testo cambierà in Aula; allora perchè votare su un testo della Commissione che verrà superato? Magari si può trovare un punto di convergenza. Così è un voto non sul merito ma sulla disciplina di partito”. Mister 42% fa spallucce e stasera alla riunione con i parlamentari Pd ribadirà il suo mantra: “O con me o ce ne faremo una ragione”.

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

Pubblicità

articolo scritto da: