•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 20 febbraio, 2013

articolo scritto da:

Toscana al voto: molte certezze e qualche (possibile) sorpresa

toscana

La Toscana, regione che non dovrebbe riservare grosse sorprese nella prossima tornata elettorale, ha comunque alcune situazioni di possibili battaglie sul filo dei voti.

Data per assodata la vittoria della coalizione di centrosinistra (sarà comunque interessante confrontare il dato con quello del 2008, anche se SeL è certamente più strutturata territorialmente rispetto all’Idv di allora), è comunque da verificare l’impatto – deflagrante – che la vicenda Monte dei Paschi avrà a livello locale e, allo stesso modo, la ricaduta del progressivo allontanamento di Renzi dall’arena politica nazionale.

[ad]Sarà certamente interessante vedere la seconda posizione per il ramo del Parlamento che pare in bilico. Con un Pdl toscano che a livello amministrativo si è frantumato (sono numerosi i consiglieri comunali o provinciali passati in quasi tutte le altre formazioni vicine, da Fratelli d’Italia all’Udc), potrebbe verificarsi una “battaglia” sul filo dei voti con il Movimento 5 Stelle, forte di un buon risultato nei comuni (a Lucca e Pistoia, ad esempio, superò abbondantemente la doppia cifra) nelle amministrative 2012. Un’ipotesi difficile, ma da non escludere.

Pare più distanziata invece la Scelta Civica di Monti, anche se sul risultato pende da un lato lo storico scarso appeal regionale dell’Udc, ma dall’altro c’è da considerare anche la possibile fuoriuscita di qualche democratico rimasto scottato dall’andamento delle primarie di novembre-dicembre 2012, che potrebbe fatto un ulteriore passo verso destra.

Difficile ma non impossibile per Rivoluzione Civile il superamento di quell’8% necessario per avere accesso alla ripartizione dei senatori. Discorso simile per quanto riguarda la Camera, dove per il contributo toscano potrebbe essere determinante per il raggiungimento del 4% nazionale per Ingroia, risultato minimo per l’accesso. Fuori dai radar, invece, la possibilità di intercettare quale sarà il consenso di “Fare per fermare il declino” in Toscana.

Quel che è certo è che rispetto alle ultime votazioni politiche del 2008 sono quasi impensabili gli stessi risultati in termini di affluenza (quasi l’84%) e, in numeri assoluti, di coalizione (allora furono 1,2 milioni gli elettori per il centrosinistra, quasi 800mila per il centrodestra), visto il calo complessivo dei partecipanti ed il sicuro impatto del Movimento 5 Stelle e di Scelta Civica. In termini di affluenza è possibile ipotizzare risultati che si avvicinino a quelli delle europee 2009 (72%).

 

L’attacco di Raggi al governo – CLICCA IL VIDEO

L'attacco di Raggi al governo

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Salvini: "Il centrodestra è morto". Secondo voi il segretario leghista ha...

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

Qui si fa il Jobs Act o di muore

Qui si fa il Jobs Act o di muore

articolo scritto da:

4 comments
www.totosenato.it
www.totosenato.it

La Toscana e' sicura del CSX. Nessuna novita' qui. Nessun sondaggio/scenario favorisce il centro destra, anche mettendo % assurde il CSX si prendera' il premio di maggioranza al senato. Provate anche voi a http://www.totosenato.it ma davvero il discorso e' chiuso

Dario
Dario

Secondo capoverso : "Data per assodata la vittoria della coalizione di centrosinistra... ". Alle volte basta solo leggere ;)

Gianluca Borrelli
Gianluca Borrelli

Ma si parla della regione Toscana, non mi pare che ci siano dubbi o che sia una notizia la vittoria del csx in Toscana sinceramente... succede da decine di anni...

Dario
Dario

Ripeto, è il punto di partenza del ragionamento la vittoria del Csx in Toscana. Mi pare sia scritto in modo abbastanza chiaro con la frase "Data per assodata la vittoria del centrosinistra". La "notizia" è la possibile battaglia tra M5S e Pdl per il secondo posto; situazione descritta - tra l'altro - anche da Repubblica oggi nell'edizione fiorentina.