•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 15 marzo, 2013

articolo scritto da:

Ambasciatore Usa ed il Movimento5Stelle visto dall’estero

thorne

[ad]Retromarcia dell’ambasciatore degli Stati Uniti, David Thorne, sulle dichiarazioni  rilasciate in un liceo di Roma, nelle quali invitava i giovani ad “agire per le riforme e per il cambiamento, come il Movimento 5 Stelle”. Una presa di posizione che ai più è apparsa inopportuna: il Partito Democratico ha parlato di gravi ingerenze, invitando il Ministro degli Esteri, Terzi, a chiedere spiegazioni. Il Pdl, con Giovanardi, ha invece parlato di “giudizi politici trancianti da parte di un paese da sempre amico e alleato”.

Reazioni, queste, che hanno spinto l’ambasciata americana a Roma a precisare, via Twitter : ”Non appoggiamo nessun soggetto politico. Dialoghiamo con tutti e sosteniamo l’uso dei social media come strumento di cambiamento”. Grillo intanto gongola e sul suo blog pubblica l’intervento integrale dell’ambasciatore. Volendo andare a fondo e provare a capire il perché delle dichiarazioni di Thorne, si possono avanzare alcune ipotesi. È fuor di dubbio, ad esempio, che il risultato ottenuto dal M5S abbia sorpreso anche gli osservatori stranieri: si veda il commento lapidario del leader della Spd tedesca, il quale, a caldo, si è lasciato sfuggire che i vincitori delle elezioni italiane “sono due clown”.

Ma, sicuramente, anche oltre Oceano la vittoria di Grillo, ottenuta peraltro senza ricevere neanche un euro di finanziamento pubblico, non ha lasciato indifferente il mondo politico e finanziario. Goldman Sachs, ad esempio, la scorsa settimana, ha definito “entusiasmante” il risultato ottenuto dal movimento di Grillo, aggiungendo che “l’Italia ha bisogno di un cambiamento e questo risultato  può essere l’inizio di qualcosa di nuovo”. Ed è facile intuire che anche ai piani alti dell’amministrazione Obama  i milioni di voti ottenuti dal Movimento 5 Stelle non siano passati inosservati.

Il presidente Obama, come è risaputo, è un grande sostenitore e fruitore dell’utilizzo dei social network per catalizzare il consenso attorno alla sua figura. Lo dimostrano le vittoriose campagne elettorali del 2008 e del 2012, costruite proprio sull’utilizzo di internet come principale strumento di aggregazione politica. Non è affatto da escludere, quindi, che Obama sia rimasto perlomeno colpito dalla capacità di Beppe Grillo di utilizzare il proprio blog come luogo virtuale in cui milioni di persone, semplici cittadini,  possono condividere, proporre e dibattere liberamente sui temi dell’attualità.

Dunque, le dichiarazioni dell’ambasciatore Usa potrebbero anche non essere solamente frasi avventate e improvvide di un diplomatico, ma, invece,  un messaggio, rivolto ai partiti tradizionali, ad innovarsi sull’esempio del M5S, aprendosi il più possibile ai cittadini e a rendere più trasparente e leggera la propria organizzazione interna.

Alessandro Genovesi 


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments
Marco
Marco

Se fossi un rappresentante del governo americano in Grillo vedrei cose molto positive e lo appoggerei subito: - la possibile fine dell'Euro e quindi in previsione dell'Europa o, comunque sia, un forte indebolimento del processo di unificazione e del più grande sistema economico del pianeta; - una crescita dell'importanza politica dei social network, creati e controllati da aziende del mio Paese; - la diffusione del movimento di decrescita in Europa, la quale si trova in un mondo dove il mio Paese controlla l'economia mondiale e che così avrà un problema in meno, dato che già deve guardarsi dalla Cina; - una forte riduzione delle spese militari, nell'unica parte del mondo (Europa Occid.) capace di contrastare la tecnologia del mio Paese e di mettersi in concorrenza con essa sul mercato; - la possibilità per le grandi lobby di investire in politica e di influenzarla, così come avviene nel mio Paese, dove non esiste il finanziamento pubblico ai partiti e la trasparenza su chi finanzia democratici e repubblicani può essere sviata in tantissimi modi.