•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 9 aprile, 2013

articolo scritto da:

Bersani replica a Napolitano: “No alle larghe intese”

Se Napolitano loda le larghe intese, Bersani le rigetta. “A proposito di larghe intese, e governissimi, io ho vissuto la fase del governo Monti. Noi siamo rimasti lì, e Berlusconi s’è dato tre mesi prima. E quando lo incontro glielo dico: ti conosciamo mascherina. Noi abbiamo già dato” ha dichiarato il segretario democratico ospite ad Agorà. “Che non ci venissero a proporre dei governissimi. Se c’è qualche altra fantasia, ce la dicessero. Ma chi può credere che con Brunetta si possa fare un governo e riusciamo a imbroccare qualcosa?”.

[ad]Chiusura netta dunque da parte di Bersani a possibile larghe intese, caldeggiate da Napolitano e volute fortemente da Berlusconi. Il segretario democratico critica anche la scelta del M5s di voler creare le commissioni parlamentari senza un governo: “Ho avuto due no, dal Pdl e dal Movimento 5 Stelle. Facciamo pure le commissioni, ma senza governo mi devono spiegare cosa facciamo. Hanno preso 8 milioni di voti e li hanno messi in frigorifero”. Sulla prosecuzione del suo incarico di premier esploratore, Bersani mette tutto nelle mani del presidente della Repubblica. Su una cosa però è certo, niente larghe intese e avanti con la sua idea di “governo di cambiamento”. “Anche io, a mio modo, ho una proposta di larga intesa – spiega Bersani – Propongo di svolgerla in un certo modo che permetta un cambiamento e non la fossilizzazione”.

Stando a quanto riporta Velina Rossa,  l’incontro tra Pier Luigi Bersani e Silvio Berlusconi potrebbe avvenire già questa sera alle 20 e 30 a Palazzo Giustiniani

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

1 Commento

  1. carlo mancuso ha scritto:

    Il Berlusca è rimasto finn quando massacravano il lavoro e l’elettorato predominante del PD , appena hanno toccato interessi suoi o dei suoi elettori ha tolto, la spina. La, solita storia insomma, solo che questa volta molti degli elettori del PD sono diventati ex elettori del PD: Saluti

Lascia un commento