•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 22 aprile, 2014

articolo scritto da:

Fabio Capello: “Smetto dopo i Mondiali del 2018”

La Russia sarà la sua ultima panchina, e sempre la Russia sarà l’ultimo luogo in cui vedremo Fabio Capello calcare i campi da gioco perché, come ha comunicato nella sua ultima intervista, dopo i Mondiali che si svolgeranno in Russia nel 2018 l’ex tecnico della Juve e del Milan darà l’addio al calcio: “Dopo la coppa del mondo del 2018 avrò 71 anni: basta ragazzi, è giunta l’ora di dire stop. Il mio posto da selezionatore in Russia è il mio ultimo contratto. Farò come Alex Ferguson. Lui se n’è andato a 72 anni, io lo farò un anno prima”.

Andrei+Arshavin+FIFA+World+Cup+2018+2022+Host+FQuHL6gqCunl

Fabio Capello aveva rinnovato poco tempo fa il suo contratto con la federazione russa fino al 2018, rivelando che a convincerlo “è stato un ministro che voleva a tutti i costi farmi restare per il Mondiale da giocare in casa: sarà un compito veramente duro perchè la pressione sarà molto alta”. Dopo una carriera lunghissima, iniziata nel 1987 con il Milan, si chiuderà quindi tra 4 anni il rapporto tra Fabio Capello e il calcio, un rapporto che lo ha portato sempre ad ottenere grandi successi in qualunque club capitasse: 6 campionati italiani di cui 4 con il Milan, 1 con la Roma e con la Juventus (poi revocato), 2 campionati spagnoli con il Real Madrid, 4 Supercoppe Italiane e 2 Champions League, entrambe con i rossoneri.

Più che parlare del suo ritiro nella conferenza il tecnico ha voluto dare più spazio alla sua Russia e agli obiettivi per il prossimo Mondiale in Brasile: “Vincere il titolo di Campione del Mondo è un sogno, ma l’obiettivo realistico è quello di entrare fra le migliori otto nazionali al mondo: arrivare ai quarti di finale dopo aver superato la fase a gironi e, magari, aver eliminato agli ottavi il Portogallo o la Germania sarebbe un grandissimo risultato per noi in vista di quanto potrebbe accadere fra quattro anni. In Russia l’aspettativa è sempre molto alta – continua Capello – ma bisogna essere consapevoli del livello a cui siamo in questo momento. Non sono tanti i calciatori che hanno giocato fuori dalla Russia o nelle coppe europee e questo è importante per l’esperienza”. Nulla dunque è dato per scontato, e possiamo star sicuri che la Russia riuscirà a ritagliarsi un ruolo da protagonista nei prossimi due mondiali: Fabio Capello non lascerà mai senza regalare alcuna emozione.

5336e39752d33

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: