Pubblicato il 17/10/2017

Rosatellum bis: oggi la legge elettorale passa al Senato

autore: Giulia Angeletti
sondaggi politici elettorali, rosatellum bis

Rosatellum bis: oggi la legge elettorale passa al Senato

Il Rosatellum bis, la nuova legge elettorale che la settimana scorsa ha ottenuto il sì da parte dell’aula di Montecitorio, si avvia ora all’esame di Palazzo Madama. Il testo giungerà infatti proprio oggi pomeriggio in commissione Affari costituzionali del Senato, dove poi inizierà la discussione con le eventuali proposte di emendamenti.

I tempi però stringono, sia per la maggioranza che ha fretta di veder approvata la legge, sia perché la sessione di Bilancio bloccherà gli altri lavori parlamentari. Poi ci saranno le elezioni in Sicilia. Tali ragioni sembrerebbero perciò riproporre al Governo l’opzione del voto di fiducia, il quale potrebbe esser nuovamente richiesto per accelerare l’approvazione del Rosatellum.

Le forze politiche a sostegno della legge hanno già chiesto alla Conferenza dei capigruppo di calendarizzare l’aula per la votazione sul testo martedì 24 ottobre.

Rosatellum bis, critiche dalle opposizioni

La possibilità che anche a Palazzo Madama si ricorra al voto di fiducia per accelerare i tempi dell’approvazione ha fatto già alzare la voce alle opposizioni. Primi fra tutti i 5stelle, con Di Maio che ha promesso che il movimento farà “di tutto per fermare la legge elettorale”; compreso interpellare il presidente del Senato Pietro Grasso.

rosatellum

Anche Mdp e Sinistra italiana sono dello stesso avviso e scongiurano la prospettiva del voto di fiducia. Maria Cecilia Guerra, capogruppo Mdp – Articolo 1, ha parlato di “senatori sotto ricatto”; “il Senato viene messo nell’impossibilità oggettiva di discutere e confrontarsi sulla legge parlamentare per eccellenza, quella attraverso cui si eleggono i rappresentanti della gente e quella attraverso cui si elegge anche il Governo, una legge fondamentale”, ha dichiarato la Guerra. La capogruppo, commentando l’ipotesi della fiducia, l’ha infine definita “una gravissima violenza istituzionale, probabilmente anche costituzionale”.

rosatellum

 

Rosatellum bis, i numeri in Senato

Se Pd, Ap, Fi, Lega e Ala-Sc riusciranno a far uscire il testo dalla commissione senza modifiche, l’approvazione potrà avvenire entro fine mese. D’altronde la maggioranza non dovrebbe aver problemi di numeri, almeno in commissione. Per il successivo voto in Aula – sul quale probabilmente verranno posti tre voti di fiducia sui primi tre articoli come alla Camera – l’importante sarà avere il numero legale.

 

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Autore: Giulia Angeletti

Giornalista pubblicista classe 1989, laureata in Scienze Politiche, "masterizzata" presso la Business School del Sole 24 Ore, attualmente è addetta stampa e redattrice per Termometro Politico. Affascinata dal mestiere più bello del mondo e frustrata dalla difficoltà di intraprendere più seriamente questa professione, pianifica numerosi "piani B" per poter sbarcare il lunario nel settore della comunicazione. Ama informarsi e leggere, odia avere poco tempo per farlo. Su Twitter è @GiuliaAngelett3
Tutti gli articoli di Giulia Angeletti →