•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 1 agosto, 2014

articolo scritto da:

Continuano le polemiche sulla spending review, Brunetta (FI): “Quello di Cottarelli è un lungo addio”

“Appena Renzi è arrivato a Palazzo Chigi l’ha subito delegittimato. Quello di Cottarelli è stato un lungo addio ed è meglio che non rimanga fino a ottobre, perchè farebbe male a se stesso e all’Italia”. Parole di Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera, intervistato dal quotidiano ‘La Stampa’. E aggiunge su Renzi: “Adesso si trova nel momento peggiore. Il Senato è nel caos della riforma costituzionale, l’economia va a picco, la sua politica economica è in stato di fallimento, del semestre europeo a guida italiana non ne parla più nessuno”.

MANOVRA – Brunetta incalza: “Renzi sta prendendo atto del disastro che ha prodotto. Dopo Cottarelli non mi stupirei che se ne andasse pure il ministro Padoan”. E rilancia l’ipotesi di una manovra correttiva in autunno: “la verità è che le condizioni economiche non sono quelle previste dal governo. Tra qualche giorno Renzi parlerà di manovra correttiva. Lui ha sempre negato la realtà dei numeri e ora ne viene travolto”.

RENZI GELIDO – Mentre il ministro Padoan ha preferito glissare sul tema – “non c’entro niente con questo argomento” – non si è fatta attendere la dura reazione di Renzi, a conferma di quanto si sussurra a proposito dei rapporti tra lui e il commissario. Il premier, intervenendo alla direzione PD, ha mostrato freddezza: “Io non so quel che farà Cottarelli, lo rispetto, lo stimo e farà quel che crede, ma la revisione della spesa la faremo anche senza di lui. La revisione della spesa c’è, chiunque ci sia come commissario, questo o un altro”.

renzi

POLETTI E MANDATO – Più conciliante l’opinione del ministro del Lavoro Giuliano Poletti, intervenuto alla trasmissione televisiva ‘Agorà’: “Cottarelli ha una certa età, quindi è in grado di decidere da solo cosa fare. Io non ho nessuna osservazione da fare a Cottarelli ma la scelta politica della revisione delle spesa è irreversibile e va fatta con grande puntualità”. Nel frattempo la fine del mandato del commissario si avvicina: formalmente il contratto scade il 31 ottobre, e non potrà essere rinnovato se entrerà in vigore il dl 90 del 24 giugno, che vieta l’assegnazione di incarichi a soggetti già “in quiescenza” – cioè pensionati, come Cottarelli con il Fondo Monetario Internazionale – se non “a titolo gratuito”. Giusto per alimentare un po’ le voci su Gutgeld quale suo successore.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: