Decreto sblocca cantieri 2019: testo, cos’è e dettagli approvazione

Pubblicato il 21 Marzo 2019 alle 14:00 Autore: Valentjna Juric

Approvato il decreto sblocca-cantieri salvo intese. No al mini condono e all’eliminazione della soglia del 30% per i subappalti. Tutte le novità e finalità

Codice dei contratti pubblici e decreto sblocca cantieri, ecco cosa sono
Decreto sblocca cantieri 2019: testo, cos’è e dettagli approvazione

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto sblocca-cantieri. Si tratta di un decreto legge il cui contenuto non è ancora totalmente definito.

Non è stata ancora pubblicato sul sito del governo il testo pdf definitivo e vale per ora la dicitura “salvo intese“. Tradotto: potrebbero ancora aversi modifiche. Vi è infatti ancora tensione tra i due partiti al governo, tanto che la Lega lamenta: “Rischiamo di approvare un decreto Blocca cantieri, senza la s”.

È da più di un mese che è attesa l’emanazione del decreto. Già a metà febbraio il ministro Toninelli ne aveva annunciato l’imminenza, vista l’urgenza di provvedere alla modifica del Codice degli appalti.

È noto del resto, come nel nostro paese sia endemico il problema delle opere incompiute: più di 300 casi (tra quelli segnalati) per un valore complessivo di circa 27 miliardi di euro.

Cosa prevede l’attuale testo del decreto sblocca cantieri

Per questo il decreto sblocca-cantieri viene visto come stimolo importante per la crescita.

Se il testo definitivo sarà conforme all’attuale bozza, sarà composto da 5 articoli. Come affermato da Conte, si vuole rilanciare il settore dei contratti pubblici e accelerare gli interventi infrastrutturali.

Non dovrebbe più contenere alcun riferimento al mini-condono chiesto dalla Lega per gli immobili antecedenti al 1977 o all’eliminazione della soglia del 30% per i subappalti. Temi che negli scorsi giorni avevano creato alcune tensioni con i Cinque stelle.

In primis, si provvede alla modifica del Codice dei contratti pubblici, mediante lo snellimento delle procedure e la limitazione del margine di intervento dell’Anac.
Per evitare l’impasse delle opere, cambia anche l’iter di affidamento in caso di crisi di impresa.

Si prevede poi l’istituzione di commissari e anche dell’Agenzia nazionale per la sicurezza delle dighe.

Le opere sbloccate con il decreto sblocca cantieri: focus sul Meridione

Quanto alle opere che verranno sbloccate, il decreto si concentra soprattutto sul Meridione. Su questo punto si era impuntato il M5S, mentre la Lega ha sempre chiesto attenzione anche per le 200 opere in stallo al nord.
Nello stesso Consiglio dei Ministri si è discusso inoltre delle misure che verrano prese in caso di mancato accordo sulla Brexit e sull’estensione della golden power al 5G.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Valentjna Juric

Mi sono laureata in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Trieste. Attualmente sto frequentando un corso di specializzazione in diritto parlamentare a Firenze.
Tutti gli articoli di Valentjna Juric →