Telelaser Trucam Polizia: cos’è, come funziona e cosa è utile ricordare

Pubblicato il 29 Luglio 2019 alle 20:20 Autore: Claudio Garau

Telelaser Trucam: di che si tratta, dove può essere utilizzato e quale finalità ha. Chi lo utilizza e cosa l’automobilista non deve dimenticare.

Telelaser Trucam Polizia cos'è, come funziona e cosa è utile ricordare
Telelaser Trucam Polizia: cos’è, come funziona e cosa è utile ricordare

Di seguito affrontiamo il tema – assolutamente attuale – del cosiddetto telelaser Trucam, utilizzato dagli appartenenti alla Polizia. Vediamo allora cos’è, qual è il suo funzionamento e cosa è opportuno sapere in merito, anche per evitare spiacevoli inconvenienti come le multe stradali.

Se ti interessa saperne di più su cosa dispone la legge per i casi di guida con il cellulare in mano, clicca qui.

Telalaser Trucam: di che si tratta e qual è la finalità

Il telelaser Trucam può essere definito come una sorta di “super autovelox“, in quanto in pratica ha la capacità di spiare dentro l’abitacolo, non soltanto di individuare la velocità di un certo veicolo in marcia. La funzione è piuttosto chiara: potendo penetrare dentro il veicolo, può verificare se l’automobilista sta effettivamente rispettando il Codice della Strada (ad esempio indossando le cinture di sicurezza o guidando senza cellulare in mano). Insomma, attraverso l’utilizzo della tecnologia laser, questa apparecchiatura consentirà alle forze dell’ordine, di emettere multe in ogni situazione effettivamente rilevante, anche in caso di violazioni del Codice della Strada più difficilmente individuabili, se non con un laser.

L’aspetto forse più rilevante di questa tecnologia è che non si limita a realizzare foto, bensì produce dei veri e propri video in HD. Insomma, per gli automobilisti guidare in modo non rispettoso del Codice diventa più problematico.

Telelaser Trucam: utilizzo pratico e multe. La questione privacy

Tale sistema di rilevamento può essere utilizzato praticamente in tutte le strade, a patto però che sia ben segnalato e vi siano agenti delle forze dell’ordine presenti e debitamente formati sull’utilizzo della strumentazione. Una rilevante differenza rispetto all’autovelox tradizionale è che il telelaser Trucam è mobile e trasportabile da una strada all’altra, mentre l’autovelox tradizionale è un’apparecchiatura fissa. Il telelaser TruCam è un mezzo talmente evoluto, che è in grado di identificare la velocità di ogni tipo di veicolo, fino ad un massimo di 320 Km/h. Tale apparecchiatura è inoltre stata studiata per operare in ogni condizione meteo, anche di notte e con scarsa visibilità per nebbia o pioggia. Il telaser Trucam è infatti dotato anche di flash e infrarossi. Insomma nulla è lasciato al caso.

Se ti interessa saperne di più su cosa dice il nuovo Codice della Strada in caso di guida senza cinture di sicurezza allacciate, clicca qui.

Sul piano strettamente sanzionatorio, la multa emessa tramite telelaser Trucam non comporta differenze o aumenti quanto alla cifra da pagare. Insomma, il costo della multa è quello previsto dal Codice della Strada e, a titolo meramente esemplificativo, ricordiamo che la multa per guida con eccesso di velocità comporta il pagamento di una somma oscillante tra i 41 e i 3.287 Euro, mentre la guida con cellulare implica una multa oscillante tra i 168 e i 674 Euro.

In conclusione, qualche cenno alla connessa questione del rapporto tra “invasività” del raggio laser e privacy dell’automobilista nel suo abitacolo mentre guida. Infatti, tra i ricorsi più praticati dagli automobilisti puniti dal telelaser TruCam, c’è quello che ha ad oggetto il concetto di “privacy”. La prassi però indica che i ricorsi fondati su questo fattore sono stati tutti respinti dai giudici, a conferma della legalità dello strumento. Anzi, va menzionato che l’utilizzo del telelaser Trucam è stato sancito dal Ministero dei Trasporti, con decreto ad hoc datato 2011.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →