Quanto guadagna una Baby sitter in Italia: stipendio e qualifiche

Pubblicato il 30 Dicembre 2019 alle 13:06 Autore: Guglielmo Sano

Uno dei mestieri più diffusi tra i giovani ma che necessita comunque di specifiche qualità e competenze. Ecco quanto guadagna un baby sitter

Statuetta baby sitter
Quanto guadagna una Baby sitter in Italia: stipendio e qualifiche

Uno dei mestieri più diffusi tra i giovani ma che necessita comunque di specifiche qualità e competenze. Ecco quanto guadagna un baby sitter.

Quanto guadagna un Trader professionista: stipendio e patrimonio

Non si tratta solo di passare una serata a far compagnia ai figli di qualcun altro, infatti, il baby sitter può rivelarsi un mestiere molto più complicato di quanto si pensi. Infatti, per prendersi cura di uno o magari più bambini è necessario avere delle competenze specifiche che sarebbe meglio acquisire attraverso un apposito percorso di studi (in pedagogia, per esempio, o in scienze della formazione primaria). Inoltre, è consigliabile prima di dedicarsi a questa professione studiare le tecniche di primo soccorso, Manovra di Heimlich e massaggio cardiaco in primis.

Quanto guadagnano gli italiani: stipendio all’ora e importo medio

Inoltre, un baby sitter potrebbe trovarsi a dover accompagnare e riprendere i bambini a scuola, ad aiutarli con i compiti, a preparargli il pranzo o la merenda oppure se il bambino è ancora piccolo potrebbe dovergli dare il biberon e cambiargli il pannolino. Tanto per sottolineare ancora una volta come si tratti di più di una semplice occupazione di ripiego.

Quanto guadagna un estetista: stipendio e titolo di studio

Quanto si guadagna?

Il lavoro di baby sitter è regolato dal Contratto collettivo del lavoro domestico: in generale, la paga oraria varia a seconda dei casi anche se mediamente è di 8 euro all’ora. Tuttavia, in base alle mansioni extra svolte (le pulizie, per esempio, o il doposcuola) sarebbero da applicare delle maggiorazioni (uno-due euro in più); delle maggiorazioni alla paga oraria si dovrebbero aggiungere, oltre che per l’esperienza maturata, anche per ogni bambino – successivo al primo – di cui dovrà prendersi cura e per il lavoro notturno (50% in più rispetto alla paga oraria) o per quello prestato nel weekend (60% in più rispetto alla paga oraria). Un baby sitter può anche richiedere il rimborso delle spese sostenute per gli spostamenti verso il luogo di lavoro.

Come caricare velocemente l’iPhone, ecco il trucco

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →