Aumento Bonus Renzi 2020: nuovo importo in busta paga e da quando

Pubblicato il 14 Gennaio 2020 alle 20:16
Aggiornato il: 16 Gennaio 2020 alle 13:52
Autore: Giuseppe Spadaro

Aumento bonus Renzi 2020, al momento non vi è nessuna certezza ma tra le tante proposte circola l’ipotesi di un superbonus da erogare a luglio. I dettagli

Bonus Renzi - Banconota di 20 euro con sfondo bianco
Aumento Bonus Renzi 2020: nuovo importo in busta paga e da quando

Da mesi, come anche da noi raccontato, si ragiona sul futuro del bonus Renzi. Da molti contestato nel corso degli anni – come lo stesso ex premier oggi leader di Italia Viva ha più volte rivendicato – la misura è stata sempre confermata nonostante l’avvicendarsi di diversi governi. Compresi gli esecutivi, come il Governo Conte I, sostenuti da forze politiche critiche nei confronti del bonus all’epoca della sua approvazione avvenuta nel 2014.

Risvolto tecnico-economico e politico della discussione

Le valutazioni e le riflessioni, ancora in corso, sul bonus Renzi hanno sempre un doppio risvolto: tecnico-economico e politico. Così come politica sarà la scelta sul suo destino e della modalità eventuali con cui modificarlo. A pubblicare una indiscrezione circa quanto si muove all’interno del governo è stato il quotidiano Repubblica. Secondo quando riferito il governo Conte bis starebbe decidendo se ma soprattutto come diminuire le tasse a ben 15 milioni di italiani.

L’idea di un superbonus a luglio

Da bonus Renzi a superbonus dunque? L’idea di partenza, da affinare sia a livello di condivisione tra le forze politiche di maggioranza che nel confronto con le parti sociali, prevederebbe il seguente schema. A “partire da luglio, i lavoratori dipendenti che dal 2014 incassano gli 80 euro al mese passerebbero a 100 euro tondi”. Non solo. “E il ceto medio sin qui escluso dal bonus ne prenderebbe 80 euro fino a 35 mila euro di reddito dichiarato. Per poi scendere fino all’azzeramento dai 35 mila ai 40 mila euro. Per quasi tutti i beneficiari si tratterebbe di una detrazione fiscale. Ma il governo potrebbe anche essere tentato dal colpo unico: un superbonus vacanze erogato nella busta paga di luglio da 120 o 480 euro a seconda delle fasce”.

Bonus Renzi e le tante proposte in piedi

Le idee non si fermano qui. Per esempio lo stesso quotidiano riferisce dell’intenzione del M5S di inserire il taglio del cuneo fiscale in un discorso più ampio di riforma dell’Irpef che prevede il passaggio delle aliquote da 5 a 3. Così come nel Pd c’è chi vorrebbe utilizzare le risorse a disposizione per lanciare un segnale ai 4,6 milioni di incapienti senza escludere i contribuenti con reddito tra 26 mila e 40 mila euro o tra i 26 mila e 35 mila euro. Nei prossimi giorni è programmato un tavolo di confronto, cui siederanno anche imprese e sindacati, su convocazione del ministro dell’economia Roberto Gualtieri.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →