Acquisto auto disabili Legge 104 a giugno, ecco le agevolazioni previste

Pubblicato il 3 Luglio 2020 alle 09:08 Autore: Daniele Sforza

Quali sono le agevolazioni previste per il mese di giugno relativamente all’acquisto auto per i disabili titolari di Legge 104? Passiamole in rassegna.

Acquisto auto disabili Legge 104
Acquisto auto disabili Legge 104 a giugno, ecco le agevolazioni previste

Non ci sono importanti novità legate alle agevolazioni per l’acquisto di un’auto per i titolari di Legge 104 per il mese di giugno. Tuttavia può essere utile fare un riepilogo dei benefici previsti per i disabili che hanno diritto alle agevolazioni previste dalla Legge 104, perché giugno può essere il vero mese della ripartenza per l’Italia, in diversi settori, tra cui anche quello dell’automobile.

Legge 104: agevolazioni acquisto auto disabili, a chi spettano

Le principali agevolazioni legate all’acquisto di un’automobile per i soggetti disabili riguardano l’Iva agevolata e ridotta al 4% e la possibilità di fruire del bonus Irpef del 19% per un tetto massimo di spesa fissato a 18.075,99 euro. La grande novità del 2020 è che l’Iva ridotta al 4% è applicabile anche alle auto elettriche e ibride.

Chi ha diritto alle agevolazioni? Generalmente le persone rispondenti al profilo che ha diritto al bonus sono quelle descritte nell’art. 3 comma 3 della Legge 104/92, ovvero i soggetti con disabilità grave. Per entrare più nello specifico, possono richiedere le agevolazioni i seguenti soggetti:

  • Non vedenti;
  • Sordi;
  • Disabili con handicap psichico o mentale titolari dell’indennità di accompagnamento;
  • Disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni;
  • Disabili con ridotte o impedite capacità motorie.

Bonus Irpef 19%

Come anticipato un’agevolazione consiste nel poter fruire del bonus Irpef del 19% sull’acquisto sostenuto, ma su un tetto di spesa massimo ammontante a 18.075,99 euro. La detrazione spetta una sola volta, per un solo veicolo, ogni 4 anni. La detrazione può essere fruita in una soluzione unica o in quattro rate annuali. La detrazione Irpef può essere fruita anche per altri tipi di spesa, come quella relativa alla riparazione dell’auto (ma il bonus non può includere l’ordinaria manutenzione e i costi di esercizio).

Iva al 4%

Solitamente alla spesa di acquisto dell’auto è applicata l’Iva al 22%. I soggetti che abbiamo elencato sopra avranno diritto all’Iva ridotta al 4% per i veicoli con cilindrata fino a 2.000 centimetri cubici (benzina) o 2.8000 centimetri cubici (diesel). L’Iva al 4% è applicabile anche alle spese di adattamento tecnico dei veicoli non adatti e può essere fruita solo una volta, e quindi per un solo veicolo, ogni 4 anni.

Come abbiamo scritto in precedenza, la grande novità del 2020 è che l’Iva agevolata al 4% si applica anche sulle auto elettriche e ibride, come introdotto dal Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2020. Per quanto riguarda le auto ibride restano i limiti di cilindrata sopra descritti, mentre per le auto elettriche la soglia massima per poter fruire dell’Iva agevolata al 4% è di 150 kW.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →