•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 3 dicembre, 2012

articolo scritto da:

La differenza dello staff. Perché ha stravinto Pierluigi Bersani

[ad]Nell’ipocrisia tutta italiana di trovare un vincitore anche quando il distacco elettorale è stratosferico  (come da previsioni) ieri sera seguendo le dirette televisive e qualche analisi politica su questa o su quell’emittente si è assistito ad un esercizio – altrove singolare – di appiccicare in qualche modo anche a Matteo Renzi una qualche forma di successo.

Difficile non riconoscere al sindaco di Firenze l’importanza di aver aggregato un 40% di consensi, partendo dal 36% del primo turno, attorno ad una proposta libdem a sinistra e, probabilmente, oltre la tradizionale linea di confine destra/sinistra. Peccato per lui che ciò si sia tradotto in un distacco di 20 punti percentuali, non esattamente un risultato tale da aprire una bottiglia di champagne e cominciare a spargerlo a fiotti ai quattro angoli del paese.

bersani e renzi

In fondo, è stato proprio il candidato che ha legato la sua ascesa mediatico-politica al tema del rinnovamento generazionale a dichiararsi pienamente sconfitto, al punto da accettare la “rottamazione” della sua offerta politica in favore dell’usato sicuro bersaniano. È un punto da cui ripartire per le analisi del giorno dopo. L’insuccesso è stato limpido e netto. E va iscritto pienamente alla campagna elettorale disastrosa di Matteo Renzi, altra cosa che ha ammesso senza giri di parole nel concession speech di ieri sera a Firenze. E alle abilità della strategia di Pierluigi Bersani, largo vincitore di ben due primarie consecutive nel giro di un triennio.

 

Partiamo con i punti di forza della campagna del segretario del Partito Democratico:

L’usato sicuro. Pare aver contraddetto una regola della comunicazione politica: mai consentire all’avversario di cucirti addosso un’identità prima che tu possa definire la tua. Nell’habitus del custode della socialdemocrazia e dell’apparato Bersani si è trovato a suo agio, sapendo contare dei numeri schiaccianti di partenza che ciò li poteva garantire. Partire da 1,3 milioni di elettori non è un cattivo affare.

(Per continuare la lettura cliccare su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: