•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 6 maggio, 2013

articolo scritto da:

Governo Letta la diversa strategia tra pd e pdl

Come abbiamo cercato di evidenziare nella “Settimana Politica” di sette giorni fa, la composizione del governo Letta è frutto di un’operazione di mediazione meticolosa e in grado di rendere “digeribile” l’intero esecutivo alla base e al nocciolo duro sia del Partito Democratico sia del Popolo della Libertà.

[ad]Il discorso ovviamente si è complicato quando si è posto il problema di nominare i sottosegretari che, essendo ben quaranta caselle, registravano una maggior possibilità di scontentare parte del PDL o del PD. Da qui la controversia legata al sottosegretario Biancofiore, già spostata dalle pari opportunità alla funzione pubblica ancor prima di assegnargli formalmente una delega, o quella su Gianfranco Micciché e Cosimo Ferri. Malumori che probabilmente agli occhi dell’elettorato del centrodestra sono stati analoghi una volta appreso della nomina a viceministro dell’economia di Stefano Fassina.

Bisogna però dire che i primi giorni del governo guidato Enrico Letta sono già mediaticamente partiti col piede sbagliato. E non tanto per la vicenda legata a Micaela Biancofiore che ha concesso una discutibile intervista a “Repubblica” dieci minuti dopo l’appello lettiano di non esagerare e mantenersi sobri.

Ma perlopiù a causa dell’ormai sempiterna vicenda legata all’Imu, che rischia di essere il vero punto di rottura di tutto il governo d’unità nazionale.

Si è infatti delineata una dinamica politica non troppo dissimile da quella emersa durante le votazioni per il Presidente della Repubblica. Nel senso che gli occhi dell’opinione pubblica appare il PDL come il partito in grado di disporre la maggioranza assoluta alla Camera e relativa al Senato e non il Partito Democratico.

Se in passato abbiamo assistito a partiti del 2% in grado di poter “ricattare” un’intera coalizione su singoli provvedimenti in quanto quel 2% era stato determinante per la vittoria dello schieramento stesso, qui assistiamo ad un centrodestra che cerca di imporre al governo i suoi cavalli di battaglia minacciando l’esistenza stessa dell’esecutivo. Con una differenza. Che il Pd non riesce con egual forza a portare avanti, anche al rischio di spaccatura, la sua agenda politica.

Questo perché il Pd ha senz’altro più da perdere da un ritorno alle elezioni, e dunque il PDL può permettersi di staccare la spina nel caso si colpiscano temo da sempre cari all’elettorato berlusconiano. Ma al tempo stesso il divario di strategia tra i due grandi partner di questo governo è macroscopico.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: